150x150-posta-risposta

Posta & Risposta

Hai una domanda, un dubbio, una curiosità? Chiedilo a UPPA. Registrati e scrivici, i nostri esperti ti risponderanno. Ricorda però che un sito internet non può (e non deve) esprimere pareri medici su casi clinici personali, sostituendosi al ruolo che spetta al medico di fiducia.



Vuoi fare una domanda? Accedi o Registrati

Bambini tirannici e genitori insicuri

Domanda

Sono la mamma di un bambino di 4 anni. Mi trovo in grande difficoltà nel gestire efficacemente alcuni suoi comportamenti, e vi chiedo un aiuto. Per esempio mi si rivolge spesso dicendomi "brutta", magari al risveglio, oppure quando si tratta di negargli qualcosa che mi richiede e che non può avere (dosi di cioccolata,e di cartoni), oppure mi dà pugni alla pancia o tira fortemente i capelli, se si trova in braccio (e per i capelli ha una passione spasmodica sin dalla nascita..). Quando lo riprendo per queste reazioni allora inizia ad urlare e a piangere con tutte le sue forze, e poi mi dice cose come "se non mi fai vedere il cartone allora vengo lì e ti do una pacca", che probabilmente rispecchiando una modalità che mi sente usare, anche se mai gli ho dato schiaffi o pacche di alcun tipo, verbalmente mi trovo spesso a fare "ricatti" con frasi tipo: "se non la smetti non ti faccio vedere in cartoni", oppure "se mi dici ancora brutta allora niente storia adesso che andiamo a nanna" e cose del genere. Ma sono poi davvero ricatti? Sempre, alla fine della sfuriata, arriva l'implorazione "Scusa mamma" ma dopo scenate infernali. Quando "dà di matto" cerco di ignorarlo o lo allontano per fargli capire che il suo comportamento non è accettabile. Ultimamente alzo anche la voce.. Mi chiedo però dove sbaglio prima di arrivare allo scontro, questi atteggiamenti sono all'ordine del giorno... so che il capriccio si fa in due... è possibile che sia così poco "rispettoso" d insistente nel capriccio perchè sono troppo disponibile e tollerante con lui in generale? Questi comportamenti eccessivi sono riservati unicamente a me e al papà, a scuola e con chiunque altro tira fuori il suo "lato migliore"... L'altra sera mi ha chiesto, prima di dormire, dopo una serata da inferno poi conclusasi con una riappacificazione, se gli voglio bene... Ed ha aggiunto che lui sa che la sua zia preferita gli vuole tantissimo bene. Una zia davvero speciale, che gli vuole davvero tantissimo bene, ma che non si trova mai a doverlo contraddire... So che per lui non è facile capire le arrabbiature dei genitori, ma mi dispiace che possa davvero credersi poco amato perchè reagisco con durezza alle sue provocazioni...

Risposta

Ci sono due aspetti in questa domanda che mi preme sottolineare: le risposte date dagli adulti ai comportamenti del bambino e gli attacchi fisici del bambino contro i genitori. Per il primo è chiaro che il bambino ha trovato la chiave per mettere in scacco la madre e il padre.…

leggi tutta la risposta

Capelli bianchi e macchie sulle pelle

Domanda

Cara UPPA,
da un paio di settimane ho notato un capello bianco nella mia bimba di 18 mesi, che ha i capelli castano scuro. Quest'estate alla fine delle vacanze avevamo notato delle macchie bianche della pelle del viso, che avevamo attribuito o a un fungo o a un'applicazione irregolare della crema solare (la bimba ha la pelle olivastra e si abbronza molto). Le macchie sono poi scomparse nel giro di qualche settimana e ce ne siamo dimenticati. Ma ora le ho associate al capello bianco e mi è venuto il dubbio della vitiligo. So che non fate giustamente diagnosi online, ma pensate sia il caso di vedere un dermatologo? Anche un'altra osservazione, credo non correlata. La bimba ha delle forti reazioni alle punture di insetto. Una notte di quest'estate è stata punta da diverse zanzare sul viso e ha avuto il volto completamente livido e gonfio per diversi giorni. Stamattina le ho visto una puntura, o forse un morso di ragno, sotto l'occhio e nel giro di poche ore aveva la pelle intorno all'occhio viola e molto gonfia. E' il caso di prevenire o alleviare queste reazioni in qualche modo o dobbiamo solo lasciar correre? Per il resto, la bimba, come sua sorella maggiore, non si ammala praticamente mai pur frequentando il nido. Grazie, come sempre, per placare le nostre preoccupazioni (spero eccessive!), Valentina

Risposta

La vitiligine è una malattia piuttosto evidente e perciò difficilmente passa inosservata. Naturalmente può avere un'evoluzione e cominciare gradualmente.
Prima di consultare uno specialista comunque è sempre meglio sentire il proprio pediatra di fiducia.
Per quanto riguarda la reattività esagerata alle punture di insetti, questa è una condizione che riguarda…
leggi tutta la risposta

Svezzamento: cosa dicono i pediatri

Domanda

E' possibile fare un po' di chiarezza sullo spinoso argomento "svezzamento"? Ho una bimba di 5 mesi. La pediatra mi ha praticamente "sgridata" per non aver già iniziato con la frutta. Allatto al seno, la bimba cresce... e ho letto in più articoli/libri che l'OMS invita all'allattamento esclusivo! Oggi mi sento dire di iniziare lo svezzamento e, se non ci sono problemi, di inserire velocemente tanti alimenti perché gli ultimi studi dicono che questo è il modo migliore per evitare le allergie. Boh ! Se avete libri da suggerire sono una mamma volenterosa.
Grazie per la vostra preziosa rivista !

Laura

Risposta

La nostra rivista ha affrontato più volte il tema svezzamento (http://www.uppa.it/cerca?t=svezzamento&f_submit.x=18&f_submit.y=17&f_submit=invia) e lo ha fatto in aderenza al progressivo mutamento delle conoscenze scientifiche in tema di nutrizione infantile. La liberalizzazione della qualità degli alimenti è uno di questi mutamenti ormai consolidati. Più lenta è l'accettazione del principio che…
leggi tutta la risposta

Ancora su reflusso o rigurgito?

Domanda

Sono una mamma bis di una piccola di 22 giorni. vorrei sapere se il reflusso gastroesofageo che può creare irritazioni all'esofago e infiammazioni può accadere anche senza effettivi rigurgiti. Irene beve il mio latte, e da qualche giorno la sera scoppia a piangere, non muove particolarmente le gambe ne l'intestino è duro, si scarica tranquillamente... quindi essendo che quando si sdraia fa dei movimenti con la bocca e un pò con la testa e spessissimo ha il singhiozzo-che per altro si placa appena la attacco al seno- mi sono chiesta se il problema potesse essere questo...di notte io l'allatto sdraiata, anche perchè sono veramente stanca, potrebbe essere un problema? se c'è uno speciale su reflusso consigliatemelo, l'ho cercato ma non l'ho trovato.
Paola.

Risposta

Se si clicca qui si accede ad una pagina del nostro sito in cui sono presenti 28 interventi che parlano prevalentemente di "reflusso gastro-esofageo", una patologia che noi di UPPA (e non solo noi, ma tutta la pediatria più avanzata) ritine quasi inesistente.
Perciò non cercherei una risposta a questi…
leggi tutta la risposta

Allattamento e lavoro: come conciliare?

Domanda

A gennaio riprenderò a lavorare e mia figlia avrà 14 mesi. La allatto ancora al seno e mi capiterà di rimanere fuori casa anche per 8 ore consecutive…come posso conciliare le due cose? C'è chi mi ha consigliato un tiralatte elettrico per continuare a darle il mio latte anche durante il giorno, chi mi ha consigliato di iniziare a smettere di allattare e chi di iniziare col latte di mucca… Voi che dite?

Risposta

Gentile Signora,
intanto complimenti per la scelta di allattare la bambina anche oltre l’anno di età, come raccomandato (anche) per la salute sua e della sua bambina.
A 14 mesi i bambini riescono a supplire alla mancanza di latte durante la giornata perché assumono tutti gli altri alimenti che condividono

leggi tutta la risposta

Allattamento e isterectomia

Domanda

Volevo sapere se è possibile allattare anche se durante il parto viene effettuata una isterectomia.  
Arianna

Risposta

Non ci sono controindicazioni e l’allattamento può essere avviato.

Sergio Conti Nibali
leggi tutta la risposta

Stitichezza e autosvezzamento

Domanda

La mia bimba di 7 mesi e mezzo ha iniziato l'autosvezzamento da un mesetto. Le offriamo sia solido sia tritato per vedere cosa preferisce. Poco a poco sta provando varie cose. Continua con latte materno a domanda. Da un paio di giorni piange quando deve scaricarsi e le feci stanno cominciando a cambiare consistenza. Mi sembra un po' stitica. Posso aiutarla con gli alimenti? É normale e lei ci si deve abituare poco a poco? Un'altra domandina.
So che è meglio introdurre il latte vaccino ai 12 mesi. E i latticini? Li puó giá mangiare?

Barbara

Risposta

La stipsi che spesso affligge i bambini in fase di svezzamento non dipende da come gli alimenti vengono presentati e neppure da come sono cucinati.
Perciò l'autosvezzamento non elimina il rischio di questi piccoli inconvenienti.
Il rimedio è sempre il solito: frutta, verdura, legumi.
I derivati del latte di mucca…
leggi tutta la risposta

Pediatri corrotti e reparti ospdalieri

Domanda

In riferimento all'editoriale del dott. Calia e all'articolo del dott. Conti Nibali "Il latte conviene?", sarebbe interessante approfondire, oltre al tema dei pediatri "corrotti" dalle ditte che producono latte artificiale, quello dei reparti di neonatologia dove, non solo viene propinato alle povere mamme inesperte latte artificiale (se non la soluzione glucosata), ma alle stesse, al momento delle dimissioni, viene raccomandato di non sostituire la marca utilizzata in ospedale, pena il rifiuto del latte da parte del neonato. E si sta parlando non di bimbi dai 12 mesi in su, ma di neonati altrimenti da avviare all'allattamento naturale.

Risposta

Effettivamente il massimo del "comparaggio" è proprio quello dei reparti di maternità.
Quello che occorre ribadire (e UPPA l'ha fatto più volte, leggi l'articolo "Allattare al biberon") è l'equivalenza dei latti formulati.
Per questo motivo non ha alcun senso "prescrivere" un certo tipo di latte.
Sarebbe come se…
leggi tutta la risposta

Ancora su vaccino e autismo

Domanda

Di vaccini avete scritto e riscritto lo so perché ho letto quasi tutto quello che avute scritto ma vi prego parliamone ancora. Oggi ho letto questo articolo: sia sul messaggero che su repubblica e di nuovo le mie fragili convinzioni sono rimesse in discussione. Che significa questa sentenza? Che c'èuna relazione tra vaccino e autismo? Io ero convinta di no ma se risarciscono la famiglia e questa decisione è stata presa da un giudice non so che dire. Scusate ma ho bisogno di rassicurazioni e di chiarimenti.
Grazie per il vostro lavoro.

Risposta

La invitiamo a leggere il comunicato stampa diramato ieri dalle maggiori società scientifiche italiane.
http://www.acp.it/2014/11/cs-congiunto-autismo-causato-dai-vaccini-dalla-comunita-scientifica-arriva-un-secco-no-8289.html 
leggi tutta la risposta

Co-sleepling: fino a quando?

Domanda

Abbiamo un bambino di 7 anni che fin da piccolo ha dormito con noi nel lettone. Intorno ai 3 anni abbiamo incominciato a insistere perché dormisse nel suo letto, ma, complice anche l'arrivo di una sorellina, il bambino ha fatto resistenza. Siamo andati avanti a fasi alterne, senza che la nanna nel lettino diventasse mai la norma. Da un paio d'anni nostro figlio si addormenta regolarmente nel suo letto, leggendosi un libro, ma poi durante la notte viene nel lettone. La sorella, invece, dorme tranquillamente da sola. Siamo stati felici del co-sleeping finché il bambino era piccolo, ma adesso vorremmo uscire da questa situazione. Che cosa suggerite di fare?
Sara

Risposta

Carissima, il co-sleeping é una pratica "strana" solo nei paesi occidentali, nella maggior parte del pianeta le famiglie condividono la stessa camera a tutte le età e non si pongono grandi problemi. Solitamente un bimbo che dorme con i genitori verso i 3-4 anni acquista l'autonomia per gestirsi le notti
leggi tutta la risposta
« 1 3 ... 79 80

Vuoi fare una domanda?

Il contenuto che vuoi visualizzare è riservato agli utenti registrati.

Accedi oppure Registrati