Cranberry per trattare le infezioni delle vie urinarie

È un frutto rosso dalle mille proprietà, ed è utile soprattutto nel trattamento di alcuni disturbi delle vie urinarie. Ecco come usare, e a cosa servono, le bacche di cranberry

Vitalia Murgia, pediatra
Bacche di cranberry

Il Vaccinium macrocarpon è una pianta usata per trattare alcuni disturbi delle vie urinarie, più nota con il nome inglese di cranberry. Se ne consumano le bacche (frutti maturi). Queste sono consumate da molto tempo e in larga quantità negli Stati Uniti anche come alimento; con esse si prepara la salsa per condire il tacchino arrosto della Festa del Ringraziamento. Il succo di cranberry è stato usato tradizionalmente dai medici e dagli erboristi per il trattamento dello scorbuto, dei calcoli renali, dei problemi renali e della vescica. Le sue proprietà come disinfettante delle vie urinarie sono state studiate con i metodi delle medicina moderna.

Come funziona il cranberry?

Per comprendere come funziona il cranberry, occorre spiegare, innanzitutto, che i batteri, in particolare quello noto come Escherichia coli, per potersi sviluppare e infettare le urine hanno bisogno di aderire alle cellule della mucosa vescicale. Ebbene è stato dimostrato sia con studi sull’animale da laboratorio sia con studi sull’uomo che alcune sostanze presenti nel succo di cranberry riescono a bloccare questo processo di adesione e quindi a evitare che il batterio si moltiplichi e infetti le vie urinarie. Le sostanze più importanti per quest’azione sono le proantocianidine (le più attive quelle di tipo A2). Sembra siano loro che interponendosi tra le cellule della mucosa e i batteri impediscono il legame tra i due.

Per approfondire
Zerocinque Zerocinque
Zerocinque
Il manuale di UPPA sulla salute e l’educazione del bambino da 0 a 5 anni
di AA.VV.
Acquista

Cosa dice la ricerca scientifica sul cranberry

La ricerca scientifica ha confermato che il succo di cranberry è efficace nel ridurre le infezioni sintomatiche delle vie urinarie nelle donne adulte se assunto per almeno 12 mesi. Per l’età pediatrica, nonostante i risultati promettenti in vari studi, non ci sono ancora certezze scientifiche assolute. Il cranberry è stato usato con successo nei bambini, anche in centri universitari italiani di urologia pediatrica, per la prevenzione delle IVU (infezioni delle vie urinarie) nelle malformazioni urinarie di grado lieve-moderato, in sostituzione degli antibiotici, che in questo caso sono inutili e forse dannosi.

È efficace anche il succo fresco naturale ma in genere si utilizzano succhi concentrati o altri estratti titolati in proantocianidine A2 per favorire l’assunzione costante per lunghi periodi. Non ci sono certezze scientifiche che il cranberry sia utile nel trattamento delle infezioni acute delle vie urinarie (cistiti, pielonefriti, ecc.)

Non ha controindicazioni o effetti collaterali degni di nota, ma il suo uso va deciso, comunque, in accordo con il pediatra. È consigliabile acquistare prodotti che in etichetta riportino il titolo in proantocianidine di tipo A o in polifenoli.

Come usare il cranberry

Manca una dose pediatrica certa, si usano proporzioni di dosi per l’adulto. L’American Botanical Council consiglia 12-17 mg/kg al giorno divise in 2-3 dosi, da assumere con costanza per almeno un anno.

Scheda tecnica:

  • Origine: Nord America
  • Famiglia: Ericaceae
  • Parte utilizzata: le bacche (frutti maturi)
  • Preparazione farmaceutica: succo concentrato titolato in proantocianidine o polifenoli
  • Principali effetti: disinfettante delle vie urinarie (prevenzione)
  • Interazioni con altri farmaci: Warfarin
  • Effetti collaterali: nessuno alle dosi consigliate
SPECIALE
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF
Articolo pubblicato il 14/09/2015 e aggiornato il 11/12/2019

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia