Vaccino per meningite e sepsi da meningococco

Quali vaccini esistono contro la meningite? Quando vanno somministrati? Vediamo cosa dice il pediatra

Rosario Cavallo, pediatra
Bambina vaccinata per il meningococco b

In Italia sepsi e meningite sono meno frequenti rispetto al resto d’Europa. In ogni caso, più colpiti sono i bambini piccoli, sotto l’anno di età, come riporta anche il Ministero della Salute. La letalità è elevata: muore fra il 10 e il 15% dei soggetti che si ammalano; in un terzo dei casi sopravvissuti ci saranno esiti permanenti (sordità, ritardo mentale, amputazioni). Scopriamo come funzionano i vaccini.

Vaccino per il meningococco

Ci sono cinque diversi gruppi di meningococco capaci di provocare queste malattie. In Italia la maggior parte delle meningiti e delle sepsi è causata dai tipi B e C ma sono in aumento anche i casi dovuti ai ceppi A, W, Y.
Oggigiorno esiste un vaccino per la meningite di tipo A, B, C, W e Y, sia per gli adulti sia per i bambini.

SPECIALE
Vaccini e malattie esantematiche
Come distinguere e curare il morbillo, la rosolia, la varicella e le altre malattie esantematiche
Scarica il PDF

Vaccino per meningite C e vaccino per meningite B

Il vaccino per il meningococco C è stato il primo a essere disponibile per l’uso universale; i vaccini precedenti erano indicati solo per le cosiddette categorie a rischio.
Si è invece riusciti a preparare un vaccino per il meningococco B solo da pochi anni, a causa della somiglianza tra la capsula batterica e un antigene normale delle cellule del sistema nervoso.

Recentemente si è reso disponibile un nuovo vaccino tetravalente per la meningite (si chiama Mcv4), che protegge contro le malattie invasive causate da meningococco A, C, W135 e Y, e ha una maggiore durata della copertura rispetto ai vaccini precedenti, che offrivano una protezione per un periodo inferiore ed erano quindi inadatti per un piano di vaccinazione universale.
Per i bambini e per i soggetti a rischio l’offerta di questi vaccini è gratuita.

Vaccino per la meningite: quando si fa?

Come abbiamo detto, la malattia ha la sua maggiore incidenza nel primo anno di vita e quindi sarebbe importante somministrare il vaccino per la meningite già ai neonati. Per questioni organizzative e di contenimento del costo del vaccino per la meningite, tenuto conto delle diverse rilevanze epidemiologiche, il calendario vaccinale propone il vaccino antimeningococco B fin dal terzo mese di vita e l’antimeningococco C (oggi sostituibile col vaccino per la meningite tetravalente) al tredicesimo.
È comunque possibile proporre il vaccino per la meningite A, B, C, W e Y anche agli adulti. Non c’è alcuna controindicazione all’utilizzo del vaccino per la meningite in gravidanza.

SPECIALE
Febbre e raffreddori
Tutto quello che c’è da sapere per affrontare con serenità febbre, mal di gola e raffreddori di ogni tipo
Scarica il PDF

Vaccino per la meningite: sì o no?

Il vaccino per la meningite non è obbligatorio ma rappresenta una grande opportunità di protezione contro una malattia che, seppur rara, crea notevole allarme sociale, giustificato dalla frequente drammaticità della sua evoluzione.
Abbiamo già visto che la malattia da meningococco può avere uno sviluppo tumultuoso e fulminante; manca il tempo di aspettare la produzione di anticorpi nuovi da parte dell’organismo, per cui la presenza di quelli derivati dal vaccino possono risultare determinanti; l’efficacia del vaccino si mantiene solo finché c’è un alto livello di anticorpi circolanti.

In passato, i vaccini “glicoproteici” assicuravano una protezione di breve durata. Gli attuali vaccini antimeningococco sono tutti “coniugati”, cioè associati a proteine “stabilizzanti” che assicurano una prolungata persistenza di anticorpi circolanti protettivi; si stima una durata di copertura di almeno 5 anni.

Vaccino per la meningite per adulti e bambini: effetti collaterali

Il vaccino per la meningite comporta solo dei pro o anche dei contro?
Il vaccino per la meningite B mostra – sia negli adulti sia nei bambini –, tra i suoi possibili effetti collaterali, febbre (a volte elevata), sonnolenza, irritabilità e reazioni locali; le reazioni sono maggiori se la somministrazione è associata ad altri vaccini.
Così come per il vaccino quadrivalente, anche per quanto riguarda il vaccino contro la meningite C questi effetti collaterali sono meno frequenti.

Ma il vaccino per la meningite comporta dei rischi? Non sono stati segnalati effetti collaterali gravi e soprattutto reazioni che abbiano dato luogo a esiti permanenti, per cui il vaccino per la meningite (per il bambino come per l’adulto) può essere considerato sicuro e protettivo. Ricordiamo che vale sempre la raccomandazione di segnalare al proprio medico gli eventuali effetti avversi riscontrati.

Controindicazioni del vaccino per la meningite

L’unica vera controindicazione per il vaccino contro la meningite (anche in questo caso negli adulti come nei bambini) resta la reazione allergica grave (anafilassi) dopo la somministrazione di una precedente dose o la reazione allergica grave (anafilassi) a un componente del vaccino.
Aver già avuto una precedente malattia da meningococco non solo non rappresenta una controindicazione al vaccino per la meningite ma addirittura è motivo di rinforzo dell’indicazione.

Per approfondire
Zerocinque Zerocinque
Zerocinque
Il manuale di UPPA sulla salute e l’educazione del bambino da 0 a 5 anni
di AA.VV.
Acquista
Rosario Cavallo

dal 1990 è pediatra di famiglia a Salice Salentino (LE). Responsabile nazionale ACP per le vaccinazioni e il controllo delle malattie infettive, membro del Comitato editoriale della rivista pediatrica Medico & Bambino, collabora inoltre con Quaderni ACP, la rivista della Associazione Culturale dei Pediatri, e con UPPA.

Articolo pubblicato il 15/12/2015 e aggiornato il 26/02/2020

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia