Ho levato il pannolino di Lea: ecco come ho fatto

La testimonianza di una pediatra e di come sua figlia Lea si sia liberata del pannolino

Marina Macchiaiolo,
pediatra
Ho levato il pannolino di Lea: ecco come ho fatto

È estate, siamo in vacanza, fa caldo e Lea ha 19 mesi. È buffa, piuttosto intraprendente, dice ogni giorno una parola nuova ed è molto partecipe in tutte le attività. Così decido, è giunta l’ora di provare: si toglie il pannolino. Con l’altro bimbo ho provato un po’ più tardi… ma si sa, lo dicono tutti, le femmine sono più sveglie.

Poi mi ricordo che un collega pediatra una volta mi aveva detto che, un po’ di tempo fa, i pannolini si toglievano prima; forse quando non c’erano quelli usa e getta e bisognava lavarli. Se ci rifletto bene, mi sembra di visitare sempre più bambini che a tre anni (e a volte più) se ne girano ancora con il plastico fardello al deretano; no forse è solo un impressione, devo verificare… ma sì, è deciso, proviamo!

SPECIALE
Autosvezzamento
Come passare al cibo “dei grandi” senza drammi, lo speciale a cura del pediatra Lucio Piermarini
Scarica il PDF

Il mondo si divide in due

Comunico la notizia alla famiglia che immancabilmente sarà coinvolta nella conquista della tappa e, altrettanto immancabilmente, il mondo si scinde in due: i sostenitori e gli scettici. Gli amici ci vengono a trovare e vengono prontamente informati sull’evento del momento e anche qui fioriscono gli aneddoti e le fazioni. C’è che mi rimprovera perché 19 mesi sono già troppi e io pronta a giustificarmi, «beh ma con il lavoro… poi d’inverno le mutandine non si asciugano mai»; c’è poi chi mi racconta un’interessante storia sull’acquisizione del controllo sfinterico precocissimo, pare infatti che ci siano dei “naturalisti spinti” che applicano la seguente teoria: se posso insegnare al cucciolo di cane a fare la pipì a comando, figuriamoci al “sapiens”; a cadenza oraria, i lattanti vengono stimolati (non saprei come) a fare i bisognini, questo fin dai primi mesi di vita, e pare con successo. Interessante teoria, mai vista applicare, devo indagare.

Sull’altro versante ci sono invece quelli del «ma lasciala in pace poverina». E io: «beh ma è solo un tentativo non voglio forzarla, per carità…». In effetti una sera a cena fuori, Lea cerca di vendicarsi, restituendo tutto il mal tolto sul mio vestito da sera, e lì tutto un agitarsi di sguardi del «te lo avevo detto io»; aggiungiamoci che appartengo alla categoria delle mamme disorganizzate e non ho nemmeno una salviettina, un disastro completo.

Aiuto, vacillo, devo sentire cosa dice il pediatra, poi mi ricordo che il pediatra sono io, sento che sto per mollare, ma poi il giorno seguente riprendo il mio ardore.

Addio pannolino!

L’approccio, lo devo riconoscere è stato un po’ brusco, ma sono per il dialogo, quindi ho fatto alla piccola un bel discorsetto del tipo «se ti scappa la pipì dillo alla mamma», le ho mostrato il pupazzo di Cucciolo che è di gomma e ha un bel foro sotto i piedi, così si può riempire di acqua poi lo strizzi e… «guarda Lea fa la pipì», e manco a dirlo ho aggiunto delle dimostrazioni pratiche con condivisione dell’intimità evacuativa di mamma e fratello, e poi… basta pannolino, addio.

GRATIS
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF

Ho pensato che fosse meglio non creare confusione e così il pannolino è stato completamente eliminato. Abbiamo riesumato il bel vasino rosso del fratello e abbiamo cominciato a inseguirla a cadenza oraria invitandola a sedersi sul bel seggiolino, ricordandole che se doveva fare pipi lo doveva dire alla mamma. Ha capito, ha capito così bene che il primo giorno, dopo un momento di empasse, dove immagino si domandasse come mai all’improvviso tutto il mondo fosse così interessato alle sue esigenze fisiologiche, ha smesso di fare pipì anzi, di fare tutto. Si rifiutava categoricamente di sedersi sul bel vasino rosso e peggio che mai sul bel riduttore per water blu. Dopo molte ore la pressione sfinteriale ha vinto e abbiamo ottenuto una cospicua evacuazione nel bel mezzo del pavimento.

Un passo indietro…

E lì, grandi applausi, che sono stati la vera costante di questo training, credo di non aver applaudito solo sul famoso vestito da sera. I primi giorni sono stati duri, perché era così brava che non voleva fare più pipì, così alla fine si innervosiva moltissimo e riusciva a liberarsi (sempre sul pavimento) solo dopo un bel piantone, e lì vacillavo pensando alla fazione dei «poverina lasciala stare»; il 4° giorno siamo andati a fare una gita con la macchina e nonostante le soste, Lea si è completamente rifiutata di fare qualsiasi cosa, urlando per più di metà del viaggio, fino a quando stremata (io) le ho rimesso il pannolino.

Con grande gioia del babbo, che sì, questo non me lo aspettavo, apparteneva alla fazione degli oppositori. Il giorno dopo la gita, infatti, il babbo sostiene di aver visto la figlia al settimo cielo alla visione del pannolino, era così felice che ha deciso di rimetterglielo. Ho l’impressione che sia una versione di parte, ma in effetti le vacanze stanno diventando più faticose del previsto e poi è domenica che devo fare? «Tieni il pannolino», ho ceduto.

Si ricomincia

Ma il lunedì, si sa, riporta vigore, rinsalda i proponimenti e quindi si ricomincia. E poi piano piano, dopo qualche giorno, svoltiamo, inizia sempre di più a rilassarsi sul vasino, con l’ausilio di un repertorio di canzoncine, libretti, matite colorate e fogli, cartoni animanti e non so più cosa abbiamo inventato, e finalmente inizia a produrre l’atteso tintinnio prima incerto, poi vigoroso seguito da applausi a scena aperta; alla fine è presa dal ruolo «mamma tatta»; è sempre “tatta” anche per la pipi; produce, poi si alza osserva soddisfatta e si grida: «brava Lalla!». Ce l’abbiamo fatta.

SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF

La produzione extra territoriale si assottiglia e alla fine della vacanza l’obiettivo è raggiunto. Lea purtroppo si sveglia spesso di notte e così ne approfittiamo per farle fare pipi una volta a metà notte (che fatica) ma anche di notte… niente pannolino.

Il babbo lo riconosco era scettico ma poi è stato molto collaborativo, il fratello di grande supporto sia come sistema di allarme sia per il grande incoraggiamento. Ho fatto un calcolo di quanti pannolini abbiamo risparmiato da qui alla prossima vacanza: un bel gruzzolo, Lea… ci meritiamo un bel regalo!

Pubblicato il 24.06.2013 e aggiornato il 17.03.2018