Mamme: tra lavoro e disuguaglianza

Sonia Bozzi, Redattrice
mamme tra lavoro e disuguaglianza

Uguaglianza, un’idea che dopo migliaia di anni di storia non ha perso ancora la sua portata rivoluzionaria perché ancora, in moltissimi ambiti, la disuguaglianza è la regola. Esiste un’uguaglianza formale, che la nostra Costituzione assicura a tutti, e un’uguaglianza sostanziale, privilegio di pochi. Le madri lo sanno.

Le statistiche parlano chiaro: nel 2005 il 18,4% delle donne che aveva un lavoro prima della gravidanza, l’ha perso dopo la nascita di un figlio: l’ha perso perché vi ha rinunciano volontariamente o perché è stata  licenziata. Nel 2012 questa percentuale è salita al 22,3%.

I servizi che dovrebbero garantire alle donne la possibilità di conciliare figli e lavoro sono insufficienti, basti pensare che il 51,4% delle madri con bambini sotto i tre anni si avvale di un aiuto informale, aiuto che in Italia si chiama “nonni”. E chi i nonni non ce li ha? Si arrangia o sceglie di abbandonare il lavoro.

A qualcosa, in ogni caso, è necessario rinunciare: se a questi dati aggiungiamo che nelle coppie con figli il 71.9% delle ore di lavoro di cura in famiglia è svolto dalle donne, avremo la misura della disuguaglianza di genere del nostro bel Paese e di quanta strada ci sia ancora da percorrere.

SPECIALE
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF
Articolo pubblicato il 03/11/2015 e aggiornato il 30/10/2019

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia