Educazione

In questa rubrica ci occupiamo di uno dei temi in assoluto più importanti per un genitore: l’educazione. Qui parliamo di scuola, di sport, di educazione sessuale, di capricci e di punizioni.

Problemi neurologici o emotivi? Il fenomeno DSA

Scuola di Edgardo Reali - Psicoterapeuta, Roma
il fenomeno DSA Sono ormai diversi anni che stiamo assistendo a una diffusione sempre maggiore della diagnosi di disturbo specifico di apprendimento (DSA): gli studi internazionali indicano che sono circa il 4-5% dei bambini della popolazione scolastica a soffrire di questi disturbi. Tuttavia, in Italia, il dato è in costante aumento, arrivando in alcune regioni (come l’Emilia Romagna) anche al 10%, mentre in altre (prevalentemente al Sud) il fenomeno è sottostimato e/o quasi ignorato. Questa eterogeneità indica come il fenomeno DSA non abbia una lettura univoca e come ci sia un grande dibattito...

Sicurezza online per bambini e adolescenti: istruzioni per l’uso

Educazione di Chiara Cavallaro - Avvocato minorile e insegnante, Avellino
sicurezza online I reati sessuali in cui viene usato internet per adescare i minori sono in aumento. Recenti statistiche dimostrano che i bambini tra gli 11 e i 13 anni sono maggiormente in pericolo, ma sono stati registrati anche casi in cui le vittime hanno solo tre anni. Per tutte queste ragioni è il momento di fare della sicurezza online una priorità per i genitori i cui figli accedono a internet. Bambini e adolescenti hanno bisogno dell’aiuto degli adulti per capire come stare al sicuro quando navigano online. La sicurezza online è...

Puzzle: il rompicapo preferito dei bambini. Vediamo perché

Pedagogia di Paolo Roccato - Psicoanalista, Torino
puzzle Il puzzle è un solitario, che, come ogni solitario, può essere fatto anche da più persone cooperanti fra loro. A volte il giocatore è contento che altri gli diano una mano, a volte, invece, si stizzisce, come se gli altri, con il loro intervento, gli togliessero lo specifico piacere del gioco. Tutti i solitari sono giochi del “mettere in ordine”. Le regole prescrivono quale debba essere l’ordine da dare all’insieme che, in partenza, si presenta “disordinato”. In questo risiede la piacevolezza (per coloro a cui piace), e in questo sta la...

Come scegliere lo strumento musicale giusto?

Pedagogia di Maria Teresa Palermo - Musicista e Musicologa AIM, Roma
Sono moltissimi i bambini che ogni anno si avvicinano allo studio di uno strumento musicale. Fare una scelta corretta è importante per non pregiudicare definitivamente il rapporto ludico e affettivo con la musica, requisito indispensabile per un’evoluzione soddisfacente del percorso didattico. Ricordiamo sempre che in molte lingue “giocare” e “suonare” sono la stessa parola (play, jouer, spielen, ecc.). L’educazione musicale “ideale” prevede un avvicinamento propedeutico al canto e al movimento ritmico nei primi anni di vita, per arrivare alla scelta di uno strumento in linea di massima verso i sette/otto...

Educare con empatia e crescerli con fiducia

Educazione, Pedagogia di Giuditta Mastrototaro - Pedagogista, Milano
Comunemente si pensa che educare un bambino voglia dire insegnargli il rispetto delle regole e riempirlo dei valori della propria famiglia, della cultura e della società. Anche le istituzioni scolastiche spesso sono orientate a immettere nel bambino nozioni, abilità, competenze e apprendimenti. Il bambino è visto come un contenitore vuoto da riempire. Ma è davvero così? Propugniamo tanto l’importanza dell’autonomia e poi nel contempo chiediamo al bambino di essere sì autonomo, ma che faccia le cose che decidiamo noi adulti. Questo modello di educazione affonda i suoi retaggi nella psicologia...

L’importanza di alimentare “il sentimento alla natura”

Montessori di Iliana Morelli - Fondatrice progetto BOBOTO
Nell’articolo “Tra scuola e natura: i consigli di Maria Montessori” abbiamo parlato di quanto la Montessori reputi la natura uno degli elementi più importanti da utilizzare nella realtà scolastica. Maria Montessori è stata assolutamente geniale nella sua visione pedagogica tanto che rileggendola oggi, a distanza di più di cento anni, i suoi testi sono assolutamente attualissimi. Nel capitolo “La natura nell’educazione” del testo La scoperta del bambino dice: «Nel nostro tempo e nell’ambiente civile della nostra società, i bambini, però, vivono molto lontani dalla natura ed hanno poche occasioni di entrare in...

Lasciamoli liberi di crescere in autonomia

Pedagogia di Francesco Tonucci - Psicopedagogista, Roma
autonomia Il premio Andersen premia il psicopedagogista e vignettista italiano Francesco Tonucci (noto come Frato), creatore del progetto “La città dei bambini”. Il Premio Andersen dal 1982 seleziona le migliori opere per l’infanzia, con una particolare attenzione alle produzioni più innovative e originali. Francesco Tonucci omaggiò UPPA di un suo contributo pubblicato sul numeri 4/2011 della nostra rivista, che qui, oggi, vi riproponiamo. Nel 1970 andavano a scuola a piedi e da soli l’80% dei bambini inglesi dai 6 agli 11 anni, nel 1990 solo il 10%. Da recenti ricerche del CNR risulta...

L’educazione passa dalla musica e dall’ambiente. Parola di Maria Montessori

Montessori di Cecilia Musmeci - Musicista e insegnante e Elisa Sargenti - Musicista e insegnante
musica Le teorie della pedagogista Maria Montessori e del didatta del violino Shinichi Suzuki sono note in tutto il mondo e il loro valore oggi in Italia è ampiamente riconosciuto dopo molti decenni di indifferenza e disinteresse. Queste due grandi personalità vissero nella stessa epoca storica e, sebbene non esistano testimonianze di una loro diretta conoscenza, certamente respirarono in Europa lo stesso clima di grande fervore riguardo al rinnovamento dei metodi educativi. Montessori e Suzuki sostengono entrambi la centralità dell’apprendimento musicale nei bambini e, soprattutto, che non si possa distinguere tra...

Asilo nido: meglio all’estero? Il racconto di una mamma

Educazione di Chiara Cavallaro - Avvocato minorile e insegnante, Avellino
Negli Stati nord europei vi è una particolare attenzione dei genitori nella ricerca di una scuola dell’infanzia di qualità con servizi di buon livello educativo. Oltre alle famiglie anche i governi, già da tempo, riconoscono il potenziale di sviluppo che il nido rappresenta nella vita dei bambini e curano l’adeguatezza delle loro strutture educative. In particolare, in Inghilterra, il governo fissa degli standard (EYFS) che tutti gli asili, sia pubblici che privati, devono garantire affinché «ogni bambino sia sicuro, sereno e in salute». Tenuto conto che le esperienze tra la...

Tra scuola e natura: i consigli di Maria Montessori

Educazione, Montessori di Iliana Morelli - Fondatrice progetto BOBOTO
Nel 1909 Maria Montessori, nel suo primo libro Il metodo della pedagogia scientifica applicato all’educazione infantile nelle case dei bambini, dedica un intero capitolo a “La natura nell’educazione” perché considera la natura un importante elemento da integrare nella sua visione pedagogica della realtà scolastica. Lei stessa definisce il bambino come «il più grande osservatore spontaneo della natura, il quale ha indubbiamente bisogno di avere a sua disposizione un materiale su cui agire». La famosa pedagogista italiana riteneva infatti necessario affidare alla natura gran parte dell’opera educativa e non a caso scrisse:...