Medicina

In questa sezione, gli specialisti che collaborano con Uppa vi offrono informazioni e consigli su tutto ciò che riguarda malattie, sindromi e disturbi frequenti che riguardano il mondo dell’infanzia. Dalle malattie esantematiche alle punture di zanzara: la risposta ai vostri dubbi è qui.

Uppa aderisce allo standard Health on the net (HONcode) per la qualità dell’informazione medica sulla rete. La certificazione HONcode garantisce che l’informazione presente sul sito venga redatta secondo principi di accuratezza e di trasparenza. Puoi verificare il nostro certificato qui.

Melatonina per bambini: cos’è e quando si utilizza

Lilia Morabito, pediatra, specializzata nelle malattie endocrine dell’età infantile, è autrice di diverse pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali
bambini dormono per melatonina

Studi recenti hanno messo in evidenza l’effetto benefico della melatonina anche nei neonati prematuri o in quelli che hanno avuto problematiche varie, come ad esempio sofferenza alla nascita, gravi infezioni o distress respiratorio

Raffreddore nel neonato e nei bambini: cosa fare

Ivan Fiorito, specializzando in Pediatria
neonato con raffreddore starnutisce

Spesso il respiro rumoroso dei neonati non è un sintomo del raffreddore, ma anche se lo fosse si tratta di una malattia virale non grave, per la quale bisogna solo prendere le giuste precauzioni

Disostruzione pediatrica: le manovre per intervenire

Michele Torella, pediatra
manovre disostruzione pediatrica su bambina che soffoca

Conoscere le manovre di disostruzione pediatrica è una competenza che tutti i genitori, i nonni e chi si occupa dei più piccoli dovrebbero avere, dato che agire con prontezza e lucidità può essere decisivo

Sangue nelle feci dei bambini: cause e cosa fare

Anna Maria Bagnato, pediatra, dirigente medico in servizio presso il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Crotone. Nel corso della sua specializzazione ha approfondito la Reumatologia e le Emergenze pediatriche del neonato e del bambino
bambino sul water per feci con sangue

La regola generale è preoccuparsi in presenza di un sanguinamento massivo, riscontrabile visivamente e confermato dal fatto che il bambino si presenti pallido, tachicardico, fiacco, letargico, con uno stato di malessere generale

Crosta lattea: quando viene, quanto dura e rimedi

Anna Maria Bagnato, pediatra, dirigente medico in servizio presso il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Crotone. Nel corso della sua specializzazione ha approfondito la Reumatologia e le Emergenze pediatriche del neonato e del bambino
neonato con crosta lattea sulla testa

Il punto fermo da tenere a mente, a fronte delle numerose proposte del mercato (pettine per crosta lattea, rimedi naturali eccetera), è che la crosta lattea è una condizione benigna che tende a risolversi entro l’anno di vita e non determina problemi per il bambino

Dentizione nei bambini: sintomi e quando inizia

Lilia Morabito, pediatra, specializzata nelle malattie endocrine dell’età infantile, è autrice di diverse pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali
mamma mostra primi denti del suo bambino

La dentizione inizia normalmente intorno ai 6-8 mesi di vita e si completa intorno ai 26 mesi. Nulla tuttavia impedisce che i primi dentini possano iniziare a spuntare qualche tempo prima, ad esempio al quarto mese, oppure che compaiano un po’ più tardi

PFAPA: la causa più frequente di febbre periodica

Anna Maria Bagnato, pediatra, dirigente medico in servizio presso il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Crotone. Nel corso della sua specializzazione ha approfondito la Reumatologia e le Emergenze pediatriche del neonato e del bambino
Bambina a letto con PFAPA febbre periodica

Si tratta di una febbre periodica perché tende a ripresentarsi, in media, ogni quattro settimane. Rientra tra le “sindromi autoinfiammatorie”, malattie caratterizzate da episodi di infiammazione generalizzata continua o ricorrente dovute a un’imperfetta regolazione del sistema immunitario che si attiva senza una vera e propria aggressione

Disturbo Oppositivo Provocatorio: cos’è e come intervenire

Matteo Sclafani, psicologo
Bambino con disturbo oppositivo provocatorio

I sintomi del Disturbo Oppositivo Provocatorio possono verificarsi più frequentemente in ambito familiare, ma nei casi più gravi essi si manifestano in più contesti sociali. La frequenza di tali sintomi e la loro persistenza deve andare oltre a quanto viene considerato normale per l’età, il genere o la cultura dell’individuo

Stomatite nei bambini, un’infiammazione senza causa?

Anna Maria Bagnato, pediatra, dirigente medico in servizio presso il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Crotone. Nel corso della sua specializzazione ha approfondito la Reumatologia e le Emergenze pediatriche del neonato e del bambino
Bambino affetto da stomatite

Sono infiammazioni della mucosa orale e gengivale che possono colpire individui di tutte le età. Sono spesso idiopatiche, ovvero non si trova la causa, e i rimedi si basano in prima battuta sull’alleviare i fastidi legati alla presenza dell’infiammazione

ADHD: riconoscere e trattare un bambino iperattivo?

Matteo Sclafani, psicologo
Bambino con ADHD a scuola

È uno dei più comuni disturbi dello sviluppo neuropsichico del bambino e dell’adolescente, che si caratterizza per la presenza di disattenzione, iperattività e impulsività

Sonnambulismo nei bambini: perché avviene?

Anna Maria Bagnato, pediatra, dirigente medico in servizio presso il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Crotone. Nel corso della sua specializzazione ha approfondito la Reumatologia e le Emergenze pediatriche del neonato e del bambino
Bambino durante un episodio di sonnambulismo

Il sonnambulismo, disturbo del sonno di natura benigna, può manifestarsi dai 2 anni di età in su e continuare anche in età adulta. La probabilità di essere sonnambuli è tre volte superiore nei bambini con un solo genitore che presenta questo disturbo e aumenta di sette volte nel caso di bambini con entrambi i genitori sonnambuli

Non siamo soli, nemmeno alla nascita: il microbiota

Marina Sestito, chimico
Lattante che dorme a pancia in su, sdraiato su una coperta

Che cos’è il microbiota? È l’insieme di microrganismi che vive all’interno del nostro corpo e che concorre in maniera decisiva al suo corretto funzionamento. Secondo gli studi recenti, sembra che cominci a formarsi già durante la gravidanza.

Perché l’ambiente influisce sulla salute dei bambini, a partire dal concepimento

Norina Di Blasio, science content editor, Think2it - Il Pensiero Scientifico Editore
Un papà con i suoi bambini, di schiena, camminano in un ambiente naturale, tutelando la propria salute

Per prendersi cura della salute dei bambini è bene non aspettarne la nascita: già durante la gravidanza ci sono certe accortezze che vale la pena di seguire, anche per rendere l’ambiente in cui il piccolo vivrà il più adatto possibile al suo sviluppo

Per proteggere i bambini dal sole la crema non basta

Anna Rita Longo, divulgatrice scientifica e insegnante, socia effettiva del CICAP e membro direttivo dell’associazione SWIM, collabora con diverse riviste di carattere scientifico e culturale
mamma che spalma la crema solare sulla schiena del suo bambino

I raggi solari garantiscono una serie di importanti benefici (tra cui, ad esempio, la sintesi della vitamina D), ma sono anche molto pericolosi. Per questo è bene proteggere adeguatamente i bambini, adottando tutte le misure necessarie

Dal concepimento ai 2 anni: i “primi mille giorni” sono la base della salute futura

Anna Rita Longo, divulgatrice scientifica e insegnante, socia effettiva del CICAP e membro direttivo dell’associazione SWIM, collabora con diverse riviste di carattere scientifico e culturale
Mamma e papà seduti sul divano abbracciano la loro bambina che ha meno di mille giorni di vita

I “primi mille giorni”, cioè il periodo che va all’incirca dal concepimento ai 2 anni di vita, hanno un ruolo centrale nel consolidamento di un buono stato di salute psicofisica del bambino. È quindi opportuno sapere che cosa fare e che cosa non fare per favorirlo

Anche i bambini soffrono di mal di testa. Scopriamo cause e rimedi

Anna Rita Longo, divulgatrice scientifica e insegnante, socia effettiva del CICAP e membro direttivo dell’associazione SWIM, collabora con diverse riviste di carattere scientifico e culturale
Primo piano di bambino che si tiene la testa tra le mani per il mal di testa

Si tende a pensare che il mal di testa sia un problema diffuso soprattutto tra gli adulti. In realtà è una condizione che riguarda spesso anche i bambini, e che è bene conoscere per non sottovalutarla e poter intervenire tempestivamente

Bambini e fumo di tabacco: tutti i rischi

Anna Rita Longo, divulgatrice scientifica e insegnante, socia effettiva del CICAP e membro direttivo dell’associazione SWIM, collabora con diverse riviste di carattere scientifico e culturale
Bambina che finge di fumare con una pipa di carta

L’esposizione al fumo di tabacco comporta una serie di rischi per la salute dei bambini, oltre ad aumentare in maniera consistente la probabilità che i piccoli diventino fumatori a loro volta.

Il favismo, una malattia antica

Martina Canichella, medico ematologo
primo piano di una ciotola di fave

Il favismo è una forma piuttosto diffusa di anemia ereditaria per la quale non esiste un vero e proprio trattamento. Lo screening neonatale, dunque, è importante per avviare la prevenzione il prima possibile

Vaccinarsi contro la COVID-19: le indicazioni per allattamento e gravidanza

Anna Rita Longo, divulgatrice scientifica e insegnante, socia effettiva del CICAP e membro direttivo dell’associazione SWIM, collabora con diverse riviste di carattere scientifico e culturale
operatore sanitario che prepara una vaccinazione

Quali sono le indicazioni attuali circa la somministrazione del vaccino contro la COVID-19 per le donne che sono in gravidanza o stanno allattando? Facciamo il punto della situazione

I 3 anni di età, una fantastica fase della crescita

Gruppo formatori Centro Touchpoints Brazelton
Bambino di 3 anni dipinge

In questa fase il piccolo appare più in grado di tollerare le separazioni dalle figure di riferimento e comincia a manifestare in modo evidente il suo carattere. Inoltre è particolarmente attratto dal gioco interattivo con i coetanei, è sempre più curioso e condivide anche la voglia di capire e scoprire le correlazioni tra eventi

Capsule, pastiglie e compresse: come e quando imparare a deglutirle

Laura Reali, pediatra di famiglia, si occupa prevalentemente di ricerca e formazione nelle cure primarie pediatriche e di patologie ambiente-correlate. È autrice di numerose pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali
Bambino prende una compressa

Imparare a deglutire una capsula intera è importante nei casi in cui il bambino rifiuta in modo deciso una medicina liquida, magari perché di sapore sgradevole, oppure quando abbiamo a che fare con compresse che non si possono sciogliere

Page 1 Page 2 Page 3 Page 9