Punire è inutile e dannoso

Per educare i figli non serve punire, è importante piuttosto mettere regole ed esercitare autorevolezza

Lorenzo Calia, CEO di UPPA

L’opinione degli esperti di pedagogia è unanime: le punizioni compromettono il rapporto tra genitori e figli e non educano

In un’indagine pubblicata nel 2012 da Save the Children emergono dati molto interessanti sul tema delle punizioni fisiche in Italia: quasi la metà degli intervistati ricorre alle punizioni fisiche come metodo educativo, mentre circa il 5% lo fa quotidianamente. In una famiglia su venti la violenza fisica è all’ordine del giorno.

Non finisce qui: meno di un terzo degli intervistati si ritiene totalmente contrario all’uso della violenza come sistema educativo, mentre circa un genitore su quattro considera efficace la punizione corporale. La situazione è allarmante, non solo perché la punizione fisica è degradante per il bambino e per il genitore, ma soprattutto perché è completamente inutile.

SPECIALE
Il pianto del neonato
Il pianto è la prima forma di linguaggio: vediamo quali sono le sue cause e come interpretarlo
Scarica il PDF

Molti studi in ambito psicologico e pedagogico hanno ormai dimostrato che le punizioni non hanno alcun effetto correttivo del comportamento e compromettono il rapporto di fiducia tra chi le subisce e chi le infligge. Inoltre, i bambini che vengono puniti fisicamente hanno maggiore probabilità di sviluppare atteggiamenti aggressivi nei confronti dei genitori.

Ogni genitore sa che, in certi momenti, i bambini hanno bisogno di essere corretti per modificare alcuni comportamenti inadeguati, ma per fare ciò servono regole, più che punizioni. Nel momento in cui la persona che educa sa assumere una modalità ferma, la sua autorevolezza sarà tale che la punizione risulterà superflua.

Sul prossimo numero di UPPA in uscita a fine mese parliamo di educazione senza punizioni, e di come stabilire regole ferme, sensate e coerenti sia la strategia efficace per educare i propri figli. Per non perderlo abbonati ora.

Immagine per l'autore: Lorenzo Calia
Lorenzo Calia

Dopo aver girato il mondo a piedi, in bici e sul pedalò, ha scoperto l'editoria e il marketing: dopo aver ricoperto i ruoli di redattore prima e di responsabile marketing poi, è diventato CEO di UPPA nel 2017.

Articolo pubblicato il 04/03/2016 e aggiornato il 13/12/2019

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia