Montessori e i mobili che aiutano a crescere

Gli arredamenti delle scuole sono importanti nel processo di apprendimento e per questo devono adattarsi alle esigenze del bambino

Elga Albarella,
giornalista
Montessori e i mobili che aiutano a crescere

In una scuola Montessori l’ambiente riveste un ruolo di primo piano ed è “educante” quanto il metodo stesso. Lo spazio è diviso in aree di lavoro e il bambino può liberamente passare dall’una all’altra a seconda delle sue preferenze e inclinazioni; i materiali devono essere disposti in modo ordinato, facilmente accessibile senza aiuti esterni e soprattutto riposti sempre nello stesso luogo, per garantire al bambino riferimenti fissi.

Ci sono poi degli arredi studiati appositamente sul corpo del bambino e progettati per assecondare il metodo montessoriano: sono mobili realizzati appositamente per bambini di età compresa tra 0 e 6 anni.

SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF

I mobili come materiali sensoriali

Ad oggi, in Italia sono ancora poche le scuole che possiedono arredi specifici di questo tipo. Si tratta di mobili ergonomici, che assecondano e favoriscono un corretto sviluppo motorio infantile; non più semplici contenitori o supporti, i mobili sono materiali sensoriali: belli da vedere, piacevoli da toccare e funzionali allo sviluppo del bambino.

childreninclassroom

La caratteristica principale è la semplicità delle linee e la forma arrotondata. I tavoli, in particolare, sono studiati per i momenti di studio, per il momento del pasto, ma anche per il riposo. Il bambino, durante una pausa, può infatti allungarsi su di esso, sdraiarsi o semplicemente appoggiarvi l’addome, da sempre considerato il nostro secondo cervello.

Non è tutto: i tavoli, progettati “attraverso l’ottica di un bambino”, sono ancora più belli se visti da sotto, dove uno studio accurato del colore e della modalità di rifrazione della luce li rende speciali, perché si sa, una delle attività preferite dai bambini è proprio giocare e nascondersi sotto i tavoli.

Il rapporto tra adulto e bambino cambia

È questa la prospettiva dell’arredamento vista in chiave montessoriana: non più il bambino legato al seggiolone o ingabbiato in un lettino con le sbarre, ma elementi d’arredo ad altezza di bimbo, da cui lui può entrare e uscire in totale autonomia e perfino capaci di “ospitare” l’adulto che si siede alla sua stessa altezza. Si ribalta così anche il tradizionale rapporto adulto-bambino: due persone allo stesso livello, senza più gerarchie ma in un profondo scambio reciproco.

GRATIS
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF
Pubblicato il 03.02.2016 e aggiornato il 12.06.2018