Qualcuno li chiama “i terribili due”

Gli inglesi la chiamano Terrible two, una fase di profondi cambiamenti per il piccolo che comincia a percepirsi come unità corporea separata dai genitori

Marisol Trematore,
pedagogista
e Francesca Zanella,
pedagogista
Qualcuno li chiama “i terribili due”

Improvvisamente urla, pianti inconsolabili e reazioni inaspettate. Il primo pensiero dei genitori è: «Ma cosa sta succedendo? Fino a ieri la pace e ora, di colpo, abbiamo in casa un piccolo rivoluzionario». Niente paura, siamo ufficialmente entrati nella fase che gli inglesi chiamano Terrible two, e possiamo anche già rassicurarci: come per ogni fase evolutiva, anch’essa ha un inizio, uno svolgimento e una fine. Ma rimane comunque un periodo che va compreso e affrontato attentamente, proprio per alleggerire le fatiche. Facciamo un bel respiro e cerchiamo insieme di capirne l’importanza per lo sviluppo dei bambini e come dovrebbero comportarsi i genitori.

Non solo “no”

Dobbiamo considerare che i bambini, come noi adulti, hanno il diritto di dire “no”, anche se questa diventa una specie di parola magica da ripetere ostinatamente per affermare la loro volontà e l’indipendenza dagli adulti (o anche solo per vedere che effetto fa).
Ma i due anni non sono solo l’età del “no”, dell’opposizione e della collera. Contemporaneamente, infatti, il bambino inizia a pronunciare spesso il pronome “io”, si riconosce allo specchio, percepisce la propria unità corporea e comincia a sentirsi una “persona” dotata di pensiero e volontà, separata dalla madre, dal padre e dalle altre figure di riferimento.
Il “bersaglio” preferito in questa fase di affermazione e opposizione è la mamma, ovvero la persona con cui ha più confidenza e con cui si sente maggiormente libero di esprimersi: è proprio da lei che sente di dipendere maggiormente ed è con lei che ha ancora paura di confondersi.
Ricordiamoci dunque che è attraverso “no” e “io” (e anche “mio”) che il bambino sperimenta la sua libertà e cerca di affermare la propria personalità; si fanno cioè strada in lui le prime forme di “pensiero individuale”. Le “obiezioni” rappresentano, quindi, null’altro che un richiamo all’autonomia.

SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF

Paure e insicurezze

I “no”, le opposizioni e le apparenti sfide racchiudono anche le paure e le insicurezze del piccolo. Questo perché da un lato c’è il suo desiderio di avventurarsi in un mondo sconosciuto ma dall’altro la paura di non sapere quello che troverà: «Sto crescendo, voglio fare da solo» ma «ho ancora bisogno della tua guida e della tua vicinanza». Questa è una fase evolutiva importante, una “palestra” in cui il bambino si allena per imparare a gestire la frustrazione e a controllare la rabbia. Impiegherà del tempo per padroneggiare gli impulsi emotivi, e il genitore dovrà stargli accanto lasciando che questo tempo abbia la sua evoluzione, offrendogli strategie vincenti e soluzioni socialmente accettabili.

Genitori: come comportarsi di fronte ai Terrible two?

Evitiamo innanzitutto di considerare gli atteggiamenti oppositivi del bambino come una sfida e consideriamoli piuttosto come un tentativo iniziale e confuso di comprendere come funziona il mondo. Dovremmo poi essere sufficientemente forti per sostenerli e supportarli durante le “cadute” e gli immancabili sbalzi d’umore, nonché bravi a prevedere e anticipare situazioni che sappiamo potrebbero “scatenare” crisi di pianto e arrabbiature. Proviamo ad esempio a limitare la frequentazione di ambienti chiusi, affollati e troppo stimolanti (supermercati, centri commerciali etc.): stancare il bambino lo renderà più facilmente irascibile e nervoso. Meglio portarlo fuori, all’aria aperta: la natura distende le tensioni, calma, rassicura e offre infinite possibilità di sperimentazione.

SPECIALE
Il primo anno
Dall’allattamento alle coliche, dal raffreddore al baby wearing, una guida per iniziare con il piede giusto
Scarica il PDF

Una casa sicura in cui giocare

I bambini hanno spesso bisogno di saltare, correre, arrampicarsi, ed è dunque importante offrirgli occasioni motorie anche a casa oltre che all’esterno. L’importante è che la stanza scelta per questo tipo di attività, così come il resto della casa, sia un luogo sicuro: sfrutteremo dunque spazi che hanno al proprio interno strutture “morbide” come ad esempio un materasso, un divano, dei cuscini etc; in questo modo, il piccolo correrà meno rischi (di conseguenza, minori saranno anche i divieti da parte nostra) e al tempo stesso potrà scegliere e usare in autonomia una vasta quantità di oggetti e materiali.
L’importante è sempre concludere queste attività con momenti di rilassamento: coccole, musica rilassante, letture.

Canalizzare le energie

Altro compito importante è aiutare il bambino a canalizzare le energie. A tal proposito, è preferibile offrirgli, nel corso della giornata, una vita ordinata in cui le regole (del pasto, dell’igiene, del riposo etc.) rappresentino una normale e buona abitudine per il proprio benessere.
Durante la “fase oppositiva” i piccoli vogliono fare tutto da soli, ma questo aspetto può essere “sfruttato” positivamente dai genitori. Facciamoci aiutare, per esempio, ad apparecchiare la tavola, o invitiamoli a compiere alcune azioni in autonomia (mangiare, andare in bagno, infilarsi le scarpe etc.) e magari facciamogli gestire anche qualche piccola frustrazione senza il nostro intervento.

Calmiamoci e “riprendiamoci” le emozioni

Di fronte a eventuali crisi la cosa migliore da fare è tranquillizzare il piccolo: solo una volta calmato sarà in grado di riprendere l’emozione e il vissuto che ha sentito. Per fare ciò, manteniamo noi in primis la calma, dal momento che urlare e agitarsi sarà solo controproducente (il bambino si agiterà a sua volta).
Ogni genitore ha un suo modo per ritrovare tranquillità interiore, come ad esempio fare un bel respiro, contare fino a venti, uscire dalla stanza e “delegare” qualcuno per il poco tempo necessario a diminuire la tensione, ecc.
In ogni caso, il consiglio è quello di rassicurare i nostri bambini abbracciandoli. In questo modo, il messaggio che passerà sarà: «Sono qui per te, capisco che sei arrabbiato e lo accetto». Quando arrivano i Terrible two, ricordiamoci sempre che il nostro compito è quello di porre limiti per la sicurezza dei nostri figli. Il loro è di oltrepassarli per crescere!

GRATIS
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF
Pubblicato il 04.04.2019 e aggiornato il 04.04.2019
Immagine in apertura jandrielombard / iStock