Nido e scuola dell’infanzia: come fare la scelta giusta

Come si sceglie la struttura scolastica da far frequentare al proprio bambino? Un buon criterio è che la proposta educativa del servizio si coniughi in maniera armoniosa con lo stile di vita familiare

Chiara Borgia, pedagogista
Aula di una scuola dell'infanzia o di un nido con lavagna in primo piano

Nel mio lavoro di consulenza pedagogica, una domanda ricorrente dei genitori riguarda la scelta della struttura per l’infanzia da far frequentare ai propri bambini. «Dottoressa, dove lo iscrivo? Mi dà un consiglio per un asilo “buono”?».

Avere un po’ di preoccupazione a riguardo è del tutto comprensibile: si tratta pur sempre di affidare il proprio figlio a “estranei”, in un ambiente che non è “casa”. Ciò fa sorgere diversi interrogativi su quale sia la soluzione giusta, nella ricerca, propria di ogni genitore, di voler offrire il meglio al bambino. 

Il primo distacco dai genitori

L’iscrizione al nido o alla scuola dell’infanzia è spesso anche la prima esperienza di distacco prolungato del bambino dai genitori e… viceversa! Un passaggio di crescita importante e denso di emozioni per tutta la famiglia. L’ambientamento positivo del bambino al nuovo contesto è strettamente legato alla serenità trasmessa dai genitori rispetto a quell’esperienza. Serenità che certamente proviene dalla fiducia verso il personale e le attività della struttura che si è scelta per il proprio bambino. 

Come fare quindi a compiere una scelta serena e consapevole? Cominciamo col dire che non esiste una sola risposta a questa domanda né una regola valida per tutti. Ogni bambino e ogni famiglia hanno caratteristiche e bisogni unici e diversi, così come un’organizzazione del quotidiano, un ambiente e uno stile di vita che influenzano questo tipo di decisione. 

SPECIALE
Febbre e raffreddori
Tutto quello che c’è da sapere per affrontare con serenità febbre, mal di gola e raffreddori di ogni tipo
Scarica il PDF

Attenzione alle mode

Un papà racconta: «Ho deciso di iscrivere mio figlio alla scuola xy dei miei sogni, è la più in voga del momento in città e tutti ne parlano bene. Credo molto nell’educazione all’autonomia del bambino e, conoscendo mio figlio, penso sia proprio l’ambiente giusto per lui. Ogni mattina, però, raggiungere la scuola è un’impresa titanica: devo svegliare il piccolo all’alba, lavarlo e infilargli i vestiti di gran corsa come fosse un manichino, fargli trangugiare la colazione in macchina nell’ora trascorsa in mezzo al traffico e catapultarlo come un missile all’ingresso (tentando disperatamente di arrivare in orario al lavoro). Risultato? Urla, litigi, capricci… e mio figlio autonomo non lo è diventato per niente! Ma questa scuola funziona?!».

La frequenza al nido o alla scuola dell’infanzia non dovrebbe certo essere una fonte di stress familiare, bensì una grande opportunità di crescita per il bambino e, di conseguenza, per tutta la famiglia. Questo avviene quanto più la proposta educativa del servizio si coniuga in maniera armoniosa con l’educazione e lo stile di vita familiare. Probabilmente, nel caso riportato, scegliere una struttura più vicina a casa avrebbe consentito di rispettare maggiormente i bisogni del bambino, vivere l’esperienza con serenità e poter investire in modo più efficace anche sull’aspetto dell’autonomia che il papà aveva tanto a cuore: concedere al piccolo un tempo “lento” mattutino, godere dello stare insieme chiacchierando, dargli la possibilità di sperimentare l’autonomia nei gesti quotidiani del vestirsi o lavarsi.

Morale della favola? Attenzione alle mode: ciò che va bene per un bambino e una famiglia non è detto che vada bene per tutti.

Orientarsi tra varie possibilità

Abbiamo detto che non esiste una sola risposta “giusta” al quesito iniziale; esistono però delle domande che possono essere utili al genitore per scegliere tra le varie possibilità. Il consiglio è di provare a interpretare il punto di vista del proprio bambino e chiedersi: «Di cosa ha veramente bisogno per crescere e star bene? Cosa gli servirebbe per sentirsi accolto, sereno, a proprio agio? Che tipo di esperienze potrà fare in quel servizio per l’infanzia?». 

Mi torna in mente a questo proposito la storia di una coppia di genitori che, all’inizio dell’anno scolastico, aveva “vagato” tra varie scuole dell’infanzia sul territorio per scegliere dove iscrivere la figlia. La scelta finale era ricaduta su una struttura in cui «c’erano i banchetti e i libri e si studiava come nella scuola dei grandi. Nelle altre dove eravamo andati, invece, i bambini non facevano niente, giocavano e basta!».

Per approfondire
Zerocinque Zerocinque
Zerocinque
Il manuale di UPPA sulla salute e l’educazione del bambino da 0 a 5 anni
di AA.VV.
Acquista

Dopo alcuni mesi di frequenza, papà e mamma, osservando alcune manifestazioni di disagio nella bambina, avevano ripensato alla propria scelta. Insieme, allora, ci siamo chiesti se e quanto quel tipo di proposta educativa e didattica fosse adeguata alla fase di sviluppo della bambina e ai suoi bisogni di crescita. E abbiamo riflettuto sulla complessità e il valore che aveva invece il gioco, in quel momento della vita. 

Mettersi nei panni del bambino e capire cosa è importante per la sua crescita diviene dunque una lente che aiuta lo sguardo del genitore a orientarsi tra le diverse tipologie di strutture per l’infanzia presenti nel proprio territorio. 

Gli aspetti da valutare nella scelta

Ogni bambino e ogni famiglia hanno diritto di poter usufruire di un servizio educativo per l’infanzia di qualità. Sappiamo però che, nel nostro paese, ciò non è ancora realizzato: l’offerta sul territorio italiano, nel settore pubblico e privato, è molto variegata, con importanti differenze e, purtroppo, “discriminazioni” territoriali. 

In linea generale, accanto al sistema statale, adesso regolamentato dal decreto legislativo 65/2017 (“Sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni”), esistono altri servizi, strutture ed esperienze educative, private o a diversa gestione. 

Nidi, micronidi, servizi domiciliari, scuole dell’infanzia e scuole nel bosco, spazi gioco e tanto altro… come orientarsi allora?

Il primo passo è sicuramente informarsi sulle opportunità presenti nel proprio territorio. Fatto ciò, tenendo presente le caratteristiche del nostro bambino e della famiglia, si può valutare se nella struttura presa in considerazione:

  • ci sono spazi sia interni che esterni, a contatto con la natura, predisposti secondo l’età e le esigenze dei bambini, con locali accoglienti
  • gli arredi sono funzionali, sicuri e favoriscono il movimento e l’autonomia dei bambini
  • i materiali e i giochi facilitano l’esplorazione e la creatività
  • vi è un chiaro orientamento pedagogico di riferimento condiviso dai genitori
  • l’organizzazione delle attività della giornata rispetta i tempi del bambino
  • il personale è qualificato, presente in numero adeguato (con un buon rapporto educatori/bambini) e investe nella relazione affettiva (spesso la chiave di una buona scuola si trova nel sorriso della maestra!)
  • nella programmazione educativa viene rispettata la personale identità e originalità di ogni bambino
  • i genitori vengono coinvolti nella proposta e nelle attività del servizio
SPECIALE
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF
Immagine per l'autore: Chiara Borgia
Chiara Borgia

pedagogista, svolge attività privata di consulenza pedagogica nel sostegno alla genitorialità e al percorso di crescita di bambini e adolescenti. Coordina progetti di educazione e accompagnamento alla morte e all’esperienza della perdita, si occupa di famiglie adottive e lavora come formatrice per gli operatori di nidi e scuole dell’infanzia nella provincia di Messina. Dal 2018 è vicedirettrice di UPPA.

Bibliografia:
Articolo pubblicato il 03/01/2020 e aggiornato il 10/02/2020
Immagine in apertura AnnaNahabed / iStock

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia