Echinacea: un valido aiuto al sistema immunitario

Usata fin dall'antichità, le proprietà farmacologiche dell'echinacea sono oggi dimostrate sulla base delle evidenze scientifiche. Ecco tutto quello che c'è da sapere su questa pianta officinale

Immagine per l'autore: Vitalia Murgia
Vitalia Murgia , pediatra, si occupa di formazione in campo sanitario e di fitoterapia, è autrice per riviste pediatriche e divulgative e di numerosi testi sulla fitoterapia
Fiore di echinacea

In media 6-7 volte l’anno (talvolta anche più di 8-10 volte), molti bambini si ammalano di infezioni acute delle alte vie respiratorie (raffreddore, forme simil-influenzali, influenza, otiti, ecc.). Queste infezioni sono più frequenti nel periodo autunno-inverno e la loro frequenza è dovuta al fatto che il sistema immunitario del bambino non è ancora completamente maturo. L’unica soluzione veramente efficace e risolutiva sarebbe quella di attendere con serenità la completa maturazione dei sistemi di difesa dell’organismo, ma un bambino che si ammala così spesso non sta del tutto bene e questo può far preoccupare i suoi genitori.
In queste situazioni, per supportare il sistema immunitario può essere utile l’echinacea (echinacea pallida o angustifolia o purpurea), pianta officinale usata tradizionalmente che ha molte conferme scientifiche a suo sostegno.

Efficacia comprovata

L’echinacea è stata usata per secoli dai nativi americani che con essa preparavano infusi (adesso più noti come tisane) per il raffreddore e l’artrite e impiastri da applicare su tutti i tipi di ferite. Dagli Stati Uniti l’echinacea è poi approdata in Europa (in particolare in Germania), dov’è tuttora frequentemente prescritta dai medici.
La sua efficacia, ovvero la capacità di migliorare la risposta del sistema immunitario alle infezioni, e la sua sicurezza, cioè l’assenza di effetti collaterali pericolosi, sono state comprovate da diversi studi scientifici.

Proprietà curative dell’echinacea

Moltissimi studi in vitro (su cellule) e in vivo (su animali da laboratorio) hanno confermato che l’echinacea agisce sul sistema immunitario tanto da indurlo a produrre sostanze (come ad esempio anticorpi, citochine, chemochine, ecc.) e a sviluppare tipi di cellule che hanno il compito di distruggere virus e batteri; in questo modo aumenta anche l’efficacia delle difese immunitarie quando l’organismo viene aggredito.
Anche se i risultati degli studi sull’uomo sono contraddittori (alcuni confermano l’efficacia dell’echinacea mentre altri la negano), complessivamente ci sono sufficienti conferme sulle proprietà curative di questa pianta. I suoi estratti, infatti, accorciano i tempi di malattia (minor numero di giorni di febbre ecc.) e riducono sia la necessità di assumere altri farmaci sia il numero di infezioni durante la stagione invernale. Questi effetti benefici, riscontrati anche sui bambini grazie ad altre analisi (in particolare uno studio clinico in cui l’echinacea è stata associata alla propoli, sostanza naturale prodotta dalle api), sono stati ottenuti utilizzando estratti concentrati della pianta, ovvero prodotti fitoterapici, mentre per quanto riguarda le forme omeopatiche (come ad esempio tinture madri, macerati glicerici e associazioni di più piante commercialmente definite echinacea compositum) non esistono studi scientifici che ne provino l’efficacia. Tinture madri e macerati hanno anche il difetto di contenere una certa quantità di alcol, motivo per cui non andrebbero usate sui bambini.

Echinacea: effetti collaterali e controindicazioni

L’echinacea è priva di effetti collaterali importanti e ha poche controindicazioni. Può essere quindi somministrata al bambino sia in caso di malattie acute delle alte vie respiratorie sia per prevenire nuove infezioni, ma è comunque sempre meglio condividere la decisione con il pediatra di famiglia.
I componenti dell’echinacea più importanti per il sistema immunitario sono i polisaccaridi e l’echinacoside, nomi importanti da ricercare sull’etichetta del prodotto per essere certi della sua qualità e del fatto che possa funzionare davvero.
L’echinacea può inoltre essere assunta anche in gravidanza ma solo su consiglio del medico.

Come usare l’echinacea

Nelle forme acute, ovvero situazioni che in genere non richiedono l’uso di antibiotici, l’echinacea va data al bambino sin dai primi momenti del disturbo e la sua somministrazione può essere protratta per almeno una decina di giorni. Per la prevenzione delle infezioni si usa in genere a cicli. Il primo deve avere la durata di 20-30 giorni e deve essere seguito da una pausa di 15 giorni. L’intervento preventivo può continuare per qualche mese alternando 15 giorni di somministrazione a 15 giorni di pausa. Per i più piccoli possono essere utilizzati gocce e sciroppi (assolutamente senza alcol), mentre per i bambini più grandi e gli adulti esistono compresse, capsule e opercoli.

Scheda riassuntiva: echinacea pallida, angustifolia e purpurea

  • Origine: Nord America e Messico
  • Famiglia: Asteraceae
  • Parte utilizzata: le radici e le parti aeree
  • Preparazione farmaceutica: estratto secco titolato in echinacoside e polisaccaridi
  • Principali effetti: immunomodulante, anti-infettivo
  • Interazioni con altri farmaci: nessuna nota
  • Effetti collaterali: rari casi di allergia
  • Controindicazioni: l’echinacea è controindicata per le persone che soffrono di malattie autoimmuni
Articolo pubblicato il 30/04/2015 e aggiornato il 16/09/2021
Immagine in apertura ryasick / E+ / Getty Images

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia