Un Codice a tutela dell’allattamento

Esiste un Codice internazionale che mira a proteggere l’allattamento attraverso regole precise che riguardano la commercializzazione e la promozione dei “sostituti del latte materno”. L’obiettivo è garantire ai genitori una corretta informazione

Simona Di Mario, pediatra
Mamma sorride durante l'allattamento

Ormai dovremmo saperlo: l’allattamento esclusivo al seno per i primi sei mesi di vita (ma anche oltre, se mamma e bebè lo desiderano) è una pratica raccomandata a livello internazionale, a tutela della salute e del benessere del bambino. Ed è proprio per proteggere l’allattamento da pratiche inappropriate legate alla commercializzazione e alla distribuzione di sostituti del latte, biberon e tettarelle che nel 1981 moltissimi paesi hanno approvato un insieme di raccomandazioni: il Codice internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno. Questo “codice di comportamento” non ha il valore giuridico di un trattato o di una convenzione, ma ha valore politico, e ognuno dei 194 paesi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che l’ha condiviso ha il compito di tradurlo in legge nazionale.

Qual è l’obiettivo?

Perché è nato il Codice? Il marketing dei sostituti del latte materno non può seguire le stesse regole degli altri prodotti di consumo, perché i lattanti sono indifesi e vulnerabili e pratiche alimentari scorrette li possono esporre, in questa fase della vita, a rischi elevati.

Guida Uppa
Per un allattamento efficace
Tutto quello che c'è da sapere sull'allattamento, la scelta più naturale, salutare ed ecologica per il bambino, la mamma e l'intera società
Scarica il PDF

Il Codice vuole quindi garantire la migliore alimentazione per i bambini, fornendo una corretta informazione; non vieta la vendita e l’uso di formule artificiali, né colpevolizza le donne che ne fanno uso (e la stessa cosa vale per biberon e tettarelle), però regola le relazioni fra le aziende produttrici e i consumatori, e fra aziende, professionisti e istituzioni sanitarie, monitorando inoltre la correttezza delle informazioni diffuse dalle aziende produttrici.

Cosa raccomanda?

Che cosa raccomanda il Codice per difendere una scelta consapevole dei genitori nei riguardi dell’alimentazione dei bambini? Vediamo alcuni punti:

  • È vietata la pubblicità dei sostituti del latte materno (qualunque formula o prodotto utilizzato al suo posto), sia in forma liquida sia in polvere, diretti all’alimentazione dei bambini fino all’età di 3 anni (formula di tipo 1, di proseguimento, di crescita, speciale, ecc.) e di qualunque alimento complementare dichiarato adatto all’alimentazione di lattanti con meno di 6 mesi;
  • Le aziende non devono creare conflitti di interesse all’interno del sistema sanitario, per cui sono vietate le sponsorizzazioni di eventi formativi, le donazioni di forniture di sostituti del latte o di apparecchiature agli ospedali, gli incentivi e i gadget ai professionisti, la diffusione di informazioni pubblicitarie;
  • Le aziende non devono avere rapporti diretti con le future o le neo-mamme e con le famiglie;
  • Le etichette delle formule in polvere devono spiegare come preparare il prodotto per evitare il rischio di infezioni: le formule in polvere, infatti, non sono sterili e vanno seguite alcune regole; una è che l’acqua (di rubinetto o in bottiglia) utilizzata deve trovarsi alla temperatura di 70 °C;
  • Le etichette non devono “idealizzare” l’alimentazione artificiale o vantare meriti inesistenti; le etichette, gli slogan e le mascotte di un prodotto pubblicizzabile (alimenti complementari da usare dopo i 6 mesi di vita) devono essere nettamente differenti da quelli dei sostituti del latte.

Violazioni diffuse

Non è difficile accorgersi che il Codice viene violato in numerose occasioni, ad esempio quando le aziende contattano direttamente le donne tramite i siti web e i social network, o quando sulle confezioni vengono riportate indicazioni non supportate da dati scientifici e quindi vietate dal Codice: “anti-rigurgito”, “con DHA per lo sviluppo del cervello del tuo bambino”, “contro le coliche dei primi mesi” e così via. Ricevere informazioni corrette sull’alimentazione infantile (dai rischi connessi all’uso dei sostituti del latte materno, fino alle modalità di preparazione delle formule) è la base per poter scegliere liberamente. Non sempre si è consapevoli dei meccanismi con cui la pubblicità orienta e condiziona le scelte delle persone, eppure questi meccanismi agiscono quotidianamente (talvolta con effetti negativi sulla salute dei bambini).

Il ruolo dei professionisti

Il Codice regolamenta anche le relazioni fra aziende e professionisti della salute perché, nonostante sia difficile per gli operatori ammettere che ricevere omaggi (di scarso valore oppure importanti, come viaggi o strumenti per i reparti) possa influenzare le loro scelte professionali, la ricerca dimostra che è proprio così: ognuno di questi omaggi modifica il comportamento dei professionisti (medici, ostetriche o infermieri). Se questo tipo di promozione non funzionasse, le aziende non avrebbero interesse a investire molto denaro nella promozione dei sostituti del latte nelle strutture sanitarie.

Contrastare le violazioni

La legge italiana si limita a regolamentare il marketing dei sostituti del latte materno per i lattanti fino a 6 mesi di età (ma ci auguriamo che presto il divieto venga esteso ai sostituti del latte per i bambini fino a 3 anni di età). Se ci si accorge di qualche violazione al Codice si può:

  • Parlarne con i responsabili (del servizio, del negozio) e spiegare che le loro pratiche sono contrarie al Codice. A volte le persone semplicemente non ne conoscono l’esistenza;
  • Fare una segnalazione a IBFAN Italia (International Baby Food Action Network). IBFAN è un’organizzazione non governativa, presente in tutti i paesi, che ha lo scopo di monitorare l’applicazione del Codice. Le violazioni possono essere segnalate al seguente indirizzo: http://bit.ly/violazioni_IBFAN
Guida Uppa
Per un allattamento efficace
Tutto quello che c'è da sapere sull'allattamento, la scelta più naturale, salutare ed ecologica per il bambino, la mamma e l'intera società
Scarica il PDF
Articolo pubblicato il 10/05/2021 e aggiornato il 08/07/2021
Immagine in apertura LightFieldStudios / iStock

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia