Metodo Montessori: impariamo a usare ago e filo

Proponendo ai bambini attività interessanti con cui sperimentarsi ed esercitarsi, possiamo aiutarli ad acquisire competenze sempre più complesse

Annalisa Perino, pedagogista montessoriana
Oggetti per imparare a usare ago e filo con il metodo montessori

Decidere di allestire un lavoro per il proprio bambino significa rispondere a un bisogno di sviluppo che nostro figlio ha implicitamente o esplicitamente richiesto.
Ogni attività che proponiamo deve essere motivata, pensata e curata. Il bambino, attraverso le proprie manifestazioni libere, mostra all’adulto di essere impegnato nell’acquisizione di una certa competenza: sviluppo motorio, linguistico, relazionale, espressività o manualità fine (anche imparando come usare oggetti taglienti in modo prudente). Farsi attenti osservatori del bambino permette ai genitori di comprendere il livello di sviluppo del proprio figlio nei vari ambiti e, di conseguenza, offrirgli delle adeguate proposte educative. La precisione, la concentrazione, l’esecuzione di una procedura complessa si possono favorire offrendo al bambino attività interessanti con le quali sperimentarsi ed esercitarsi. Quando decidiamo di allestire un lavoro (lo chiamiamo così per la serietà dei suoi intenti), dobbiamo curare:

  • l’ordine estetico
  • l’ordine del materiale
  • l’ordine di presentazione e d’esecuzione
Bambino si esercita con ago e filo su un vassoio

Attività del cucito

Se dovessimo decidere di allestire un’attività sul cucito, sceglieremo un materiale piacevole al tatto, avendo cura di rispettare gli accostamenti cromatici e le tipologie di materie impiegate.
Procuriamoci un vassoio in grado di contenere tutto ciò che occorre per svolgere l’attività: un tappetino in feltro, un punteruolo, un paio di forbici con punta arrotondata, un cartoncino colorato spesso (di dimensione più piccola del tappetino di feltro), matita, filo di lana, ago da lana (ago in plastica, con asola molto grande). Un piccolo contenitore per le forbici, la matita e il punteruolo, una ciotola per il gomitolo. Tutto l’occorrente è presente nel vassoio per permettere al bambino di poter lavorare in completa autonomia.
Per favorire la concentrazione e l’attenzione è preferibile non mescolare differenti canali comunicativi: se uso la parola, non compio gesti con le mani e viceversa. Mostrare attraverso l’azione e non tramite una spiegazione è molto più efficace, soprattutto con i bimbi piccoli.

SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF

Come procedere

  • con gesti lenti, precisi e chiari, poni il tappetino di feltro di fronte a te con sopra il cartoncino
  • disegna una forma semplice, per esempio un quadrato
  • con il punteruolo pratica dei fori agli angoli del quadrato e al centro di ogni lato
  • fai passare il filo nella cruna dell’ago e pratica un nodo al termine del filo
  • inizia a cucire partendo da un foro
  • completa la figura fino a tornare al punto di partenza, poi percorri la figura al contrario per riempire gli spazi vuoti
  • taglia il filo avanzato e pratica un nodo sul retro del foglio perché il filo rimanga fermo
Bambino si esercita con ago, filo e feltro

L’attività, a questo grado di complessità, è consigliata per i bimbi di 3 anni e mezzo-4. Ogni attività può però essere semplificata o complicata.
Per semplificare, potete infilare voi il filo nell’ago, disegnare l’immagine e praticare i fori.
Per complicare, invece, potete suggerire immagini sempre più complesse. Disegnare due immagini identiche, ritagliarle, sovrapporle, praticare i fori e procedere con la cucitura delle due parti insieme.
È importante, prima di proporre l’attività, ipotizzare quale grado di complessità sia adeguato al bambino perché egli possa essere autonomo, non subire la frustrazione dell’insuccesso ma neanche annoiarsi.
La condizione maggiormente stimolante e interessante per il bambino è infatti poter affrontare un compito leggermente più complesso delle sue capacità.

Le immagini sono tratte da: www.howwemontessori.com con l’autorizzazione dell’autore

Per approfondire
Qui abita un bambino Qui abita un bambino
Qui abita un bambino
Ambienti e attività Montessori per favorire l'autonomia in casa, ogni giorno
di Annalisa Perino, pedagogista
Acquista
Immagine per l'autore: Annalisa Perino
Annalisa Perino

formatrice, pedagogista e autrice, progetta e coordina servizi per la prima infanzia e svolge corsi di formazione per insegnanti e genitori sulla pedagogia montessoriana. Autrice del libro Qui abita un bambino edito da UPPA Edizioni, cura la rubrica “Faccio io!” su UPPA.

Bibliografia:
Articolo pubblicato il 22/04/2016 e aggiornato il 26/02/2020

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia