Massaggio infantile, un toccasana per il neonato | UPPA.it

Massaggio infantile, un toccasana per il neonato

Massaggiare il proprio bambino ha moltissimi benefici sul suo sviluppo e sulla relazione con i genitori, oltre a favorire il rilassamento e l’acquisizione del ritmo sonno-veglia

Federica Martinelli,
insegnante IAIM (International Association Infant Massage)
e Roberto Rossini,
pediatra neonatologo e Trainer IAIM (International Association Infant Massage)
Massaggio infantile, un toccasana per il neonato

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo e fin dalla nascita il contatto pelle a pelle rappresenta per ogni neonato una vera e propria fonte di nutrimento, così come il latte materno. In quest’ottica, massaggiare il proprio bambino significa imparare a leggerne i segnali e instaurare con lui un dialogo profondo che va al di là delle parole. Imparare il massaggio infantile non significa solo apprendere una tecnica, ma avere a disposizione un utile strumento per comunicare meglio con il proprio bambino. Chi per la prima volta sente parlare del massaggio infantile, inevitabilmente si chiede: «Ma perché massaggiare un lattante? È forse una specie di terapia? Serve a curare qualcosa?».

Benefici per il bambino…

Il massaggio infantile, più che curare, rappresenta un “prendersi cura”. Negli anni numerosi studi scientifici e l’esperienza di tanti genitori in tutto il mondo hanno via via confermato gli effetti positivi del massaggio sullo sviluppo e la maturazione del bambino a livello fisico, psicologico ed emotivo.
In particolare, il massaggio facilita nel bambino la conoscenza del suo schema corporeo (la rappresentazione della posizione e dell’estensione del corpo nello spazio), lo aiuta a coordinare i movimenti e accelera le connessioni tra le cellule del cervello. In questo modo vengono stimolati in particolare i sistemi nervoso, circolatorio, digerente, immunitario e respiratorio.
Un secondo beneficio del massaggio è il rilassamento. Il movimento ritmico delle mani del genitore e la ritualità dei gesti facilitano l’acquisizione del ritmo sonno-veglia e aiutano il bambino a scaricare le eccessive tensioni. Durante il massaggio aumenta la produzione di alcuni ormoni “benefici” (endorfine, ossitocina e prolattina) e si abbassano i livelli degli ormoni legati allo stress (ACTH, cortisolo e norepinefrina).
Molto spesso i genitori si avvicinano al massaggio infantile perché questa pratica è di grande sollievo durante le cosiddette “coliche”. Massaggiare regolarmente il proprio bambino ha effetti benefici anche per i dolori legati alla crescita, alle tensioni muscolari e ai fastidi della prima dentizione.

SPECIALE
Il pianto del neonato
Il pianto è la prima forma di linguaggio: vediamo quali sono le sue cause e come interpretarlo
Scarica il PDF

…e per i genitori

Il massaggio infantile favorisce il bonding, cioè quel processo di attaccamento fra i genitori e il loro bambino, facilita lo scambio di messaggi affettivi (sia verbali sia non verbali) e fa sentire il bambino sostenuto, amato e ascoltato. Contemporaneamente, gli effetti benefici si riflettono anche sul benessere del genitore; il massaggio, infatti, aiutando i genitori a riconoscere i segnali inviati dal loro bambino, rafforza la loro capacità di sentirsi competenti.
Il contatto tra una mamma e il suo bambino favorisce inoltre la produzione di alcuni ormoni materni (prolattina e ossitocina, già citati in precedenza) che favoriscono l’allattamento.
Anche in situazioni particolari, come l’adozione e l’affido, il massaggio infantile rappresenta un’esperienza di contatto positiva e rassicurante, che aiuta i neogenitori a creare e rafforzare quel legame d’amore così desiderato e immaginato.

Come imparare?

I genitori possono imparare facilmente a massaggiare il proprio bambino partecipando a un corso di massaggio infantile tenuto dall’Associazione Italiana Massaggio Infantile (AIMI, IAIM in inglese), durante il quale l’insegnante mostrerà loro la sequenza di massaggio su una bambola didattica. I bambini vengono massaggiati solo dai loro genitori, che ne rispettano i bisogni e le esigenze, evitando dunque di forzare il bambino se in quel momento non si mostra predisposto: la cosa importante è utilizzare il massaggio come strumento di comunicazione, anche una volta rientrati a casa.
Prima di iniziare il massaggio i genitori si mettono in ascolto della disponibilità del bambino e promuovono un dialogo ricco di stimoli e interazioni, che possono risultare efficaci e tranquillizzanti anche per un neonato.
Durante gli incontri i genitori hanno la possibilità di confrontarsi e sostenersi reciprocamente. L’esperienza del gruppo è sempre molto stimolante e arricchente e rappresenta un vero e proprio beneficio di tipo sociale e relazionale. La condivisione di questo particolare momento, soprattutto per i neogenitori, crea legami profondi e pone le basi di amicizie che spesso proseguono anche in seguito.

Come nasce il massaggio infantile

La diffusione del massaggio infantile in Occidente è partita negli anni ’70, e integra il massaggio tradizionale indiano con alcuni elementi del massaggio svedese e altri elementi estrapolati dallo studio della riflessologia. Al termine della sequenza viene proposta una serie di esercizi ispirati alla pratica dello yoga, che possono aiutare la percezione corporea e stimolare la coordinazione motoria in un periodo così importante della crescita.

SPECIALE
Il primo anno
Dall’allattamento alle coliche, dal raffreddore al baby wearing, una guida per iniziare con il piede giusto
Scarica il PDF
Pubblicato il 27.11.2018
Immagine in apertura brusinski / iStock