Stare bene con il cibo nei giorni del Coronavirus

Dover stare tutti insieme chiusi in casa può essere l’occasione per guardare al cibo in maniera diversa e per insegnare ai nostri bambini non solo a mangiare bene, ma anche ad apprezzare le varietà di alimenti che la natura ci offre e a diventare creativi in cucina

Federica Buglioni, autrice esperta in educazione alimentare
Bambina che aiuta la mamma a preparare il cibo

Se il distanziamento sociale ci ha allontanati da amici e colleghi, ci ha portati più vicino che mai ai bambini, con i quali ora condividiamo ogni momento della giornata. Così come loro sono davanti ai nostri occhi, anche noi siamo davanti ai loro. Siamo diventati i loro unici modelli di riferimento, nel bene e nel male, nei nostri punti di forza e nelle nostre fragilità, nei nostri valori e disvalori, anche a tavola. Dal punto di vista dell’educazione alimentare, però, la convivenza forzata è soprattutto un’opportunità, che ci insegna perlomeno sei lezioni preziose.  

Lezione 1: il cibo è un processo, che ha un prima e un dopo

Nella vita quotidiana molti bambini erano abituati a vedere il cibo soltanto nel piatto, come se fosse un “oggetto commestibile”. Non assistevano ai processi lunghi e complessi di preparazione: il tempo e le energie che occorrono per fare la spesa, le procedure necessarie per pulire la verdura, per cucinare il pesce, per fare il pane… Non erano consapevoli neppure della quantità di imballaggi e confezioni che buttiamo via e del tempo che occorre per il riordino. 

Oggi il pasto assume un peso diverso: non è più un momento da gestire nella fretta, ma torna a essere un’occasione per condividere qualcosa di importante, per conoscere e capire, per acquisire competenze, per guardarsi in faccia e parlare, per far emergere pensieri e talvolta piccoli conflitti. Il cibo non è più un banale oggetto commestibile ma è diventato un bene potente, che nutre il corpo, la mente e le emozioni.

Lezione 2: il cibo consola e coccola

Il cibo ha un indiscutibile potere consolatorio. Non c’è genitore che in questi giorni di semi-prigionia non cerchi di strappare un sorriso con qualcosa di buono e goloso. Sapori e consistenze riescono a scaldare quasi come un abbraccio e i bambini lo sanno.
Non c’è nulla di male a coccolare un po’ il palato, purché lo si faccia con moderazione, senza sostituire l’ascolto empatico e soprattutto senza cedere al cibo scadente o sbilanciato.

Privilegiamo gli alimenti di qualità, con ridotti contenuti di grassi, sale e zuccheri: un budino di latte addensato con i semi di chia, uno yogurt naturale con la frutta fresca o con una buona confettura, dei biscotti fatti in casa usando farine semi-integrali e farina di mandorle (che è naturalmente dolce e naturalmente grassa: così possiamo usare meno zucchero e meno burro), polpettine cotte al forno anziché fritte, un purè colorato aggiungendo alle patate una carota lessa (purè arancione) oppure dei piselli passati (purè verde). Tra comfort food e salute non c’è necessariamente un conflitto.

SPECIALE
Bambini e COVID-19
Come affrontare l'emergenza, prevenire il contagio e informarsi correttamente sull'epidemia di Coronavirus
Scarica il PDF

Lezione 3: il cibo è un bene finito. Oltre la fine, c’è l’ingegno

Ora che è importante uscire di casa il meno possibile, anche la spesa va fatta oculatamente e senza sprechi, magari acquistando in luoghi diversi da quelli ai quali siamo abituati. I bambini vedono in tavola alimenti nuovi e, forse per la prima volta, vedono i genitori che stanno attenti alle quantità e agli sprechi, che si preoccupano che ciò che finisce potrebbe non essere più reperibile, che escogitano alternative: «Oggi al supermercato non c’erano le uova, allora ho preso la farina di ceci, così facciamo una frittata diversa ma altrettanto buona»; «Non c’è più lievito di birra ma ho trovato una ricetta per fare la pasta madre».

Queste osservazioni rappresentano lezioni preziose perché insegnano che il cibo non è una risorsa infinita e che il pensiero creativo ha un’applicazione fondamentale nella vita: serve a trovare soluzioni.

Lezione 4: l’epidemia è “solo” un problema umano, la natura sta benissimo

Per quanto le nostre vite siano state stravolte dall’emergenza sanitaria, siamo “solo” di fronte a una pandemia. Basta aprire la finestra per vedere che il problema, ai nostri occhi enorme e devastante, in verità affligge unicamente la specie umana. Ogni altra specie animale e vegetale sta continuando la sua vita di sempre: gli uccelli volano e le piante fioriscono come ogni anno.

Questa riflessione può aiutare a rasserenare quei bambini che in questi giorni appaiono particolarmente spaventati.
Perfino la frutta e la verdura che acquistiamo sono prova tangibile che la natura continua a fare il suo corso e a darci il cibo che ci serve per vivere. Laviamo insieme la frutta, coinvolgiamo i bambini nella preparazione di un’insalata e riflettiamo insieme su come la natura ci protegga ogni giorno, regalandoci le energie che ci servono per mantenerci in buona salute.

SPECIALE
Guida all'autosvezzamento
Come passare al cibo “dei grandi” senza drammi, lo speciale a cura del pediatra Lucio Piermarini
Scarica il PDF

Lezione 5: stare a casa non significa essere separati dalla natura

Facciamo a volte l’errore di pensare che la natura viva solo fuori dalla porta di casa, ma la verità è diversa: se guardiamo con attenzione in dispensa e in frigorifero, troviamo foglie (la verdura), bulbi (aglio e cipolle), frutti (ortaggi e frutta) e semi (spezie, legumi, cereali…): un vasto campionario che possiamo divertirci a osservare, toccare, annusare, collezionare, classificare, coltivare o far germogliare. Anche così scopriamo che la natura non ci abbandona mai. Le esplorazioni naturali domestiche posso offrire molti spunti educativi, soprattutto per gli appassionati di scienza e di botanica.

Lezione 6: il cibo è cura e saper fare       

Cucinare, apparecchiare e sparecchiare, pulire il tavolo, spazzare, lavare le stoviglie: in cucina si imparano tanti piccoli gesti che allenano la maestria della mano e insegnano le mosse e le procedure che ci permettono di prenderci cura di noi e degli altri, in quello spirito di collaborazione che rasserena perché consente di sintonizzarsi tutti su un obiettivo comune.

Cerchiamo allora, nei limiti del possibile, di assegnare ai bambini diverse mansioni e diamo loro il tempo di imparare e perfezionare le loro abilità un poco alla volta. Non chiamiamoli in cucina solo per fare torte e biscotti, ma anche per collaborare alla preparazione dei pasti quotidiani.

Per approfondire
Una pediatra in cucina Una pediatra in cucina
Una pediatra in cucina
Ricette sane per grandi e piccoli in un quarto d'ora o poco più
di Caterina Vignuda, pediatra
Acquista
Articolo pubblicato il 30/03/2020 e aggiornato il 17/04/2020
Immagine in apertura Maryna Andriichenko / iStock

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia