Alla conquista del sonno

Non esistono abitudini giuste o sbagliate per accompagnare il bambino al sonno, semmai alcune strategie possono favorire la sua autonomia nell’addormentamento, sempre senza negargli attenzioni e vicinanza fisica

Annalisa Perino, pedagogista montessoriana
Bambino dorme col suo gioco accanto

«Dovrà dormire con noi nel lettone?», oppure, «Quando dormirà da solo nel suo lettino?»: sono alcune delle domande che i genitori in genere si pongono riguardo al sonno dei propri figli. Diciamo subito che non c’è una ricetta, perché ogni bambino ha le sue preferenze, i suoi bisogni e i suoi tempi, ma può essere utile conoscere alcune strategie per gestire al meglio il momento del sonno e favorire al contempo il benessere di tutti.

Preferenze soggettive

Alcuni bambini amano condividere il sonno con mamma e papà perché così si sentono al sicuro e riposano serenamente, così come alcuni genitori dormono bene stretti ai propri piccoli. Al contrario, altri bambini e genitori, pur condividendo la stessa stanza, patiscono il “sovraffollamento” e preferiscono uno spazio proprio. In ogni caso, tutti i bambini imparano ad addormentarsi e a dormire in autonomia e nel proprio lettino, ma con tempi e modalità diverse; una conquista che viene facilitata se si rispettano e tutelano i bisogni di tutti, senza forzature.

SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF

Una mamma racconta: «La sera non andiamo a dormire prima delle 22.30. Prima una storia sul divano, poi si gioca un po’ in camera, una canzone in braccio mentre lo cullo, poi devo coricarmi al suo fianco finché non si addormenta. È così da mesi. Il risultato è che non ho più tempo per mio marito, perché mi addormento nel lettino stremata». Un’altra riferisce: «Nostra figlia ha 3 anni e dalla nascita dorme con noi nel lettone. Non sta ferma un attimo durante la notte, si sveglia di continuo, noi non abbiamo spazio e dormiamo malissimo. Spesso finisce che mio marito, distrutto, conclude la notte sul divano».

Comunque venga gestito, il momento del riposo dovrebbe risultare sereno e favorire il benessere di tutti, ricordando però che sono i genitori ad avere la possibilità di proporre soluzioni e abitudini fin dalla nascita del bambino.

Quanta vicinanza?

Le parole chiave sono flessibilità, adattamento e osservazione. Non è detto che ciò che si rivela utile una sera per accompagnare il bambino al sonno sia necessario ogni volta: le soluzioni cambiano con la crescita. Inoltre, non esistono abitudini giuste o sbagliate a priori; ciò che funziona per un bambino potrebbe non essere utile per un altro. Dormire nella propria stanza o a fianco dei genitori, dormire nel lettone, addormentarsi in braccio o con una ninnananna, senza contatto fisico oppure poppando, stando abbracciati stretti o tenendosi per mano: sono solo alcune delle più comuni strategie, ma saranno il bambino e i genitori a stabilire di quanta vicinanza necessitano.

Una possibile routine

Proviamo a delineare una strategia che non forzi i tempi del bambino. Pietro di solito si addormenta in braccio, poppando, cullato dalla voce della mamma, ma potrebbe essere pronto a fare un passo in avanti sulla strada dell’autonomia. Una sera, dopo aver creato le condizioni ambientali favorevoli (luci basse e riduzione degli stimoli uditivi e visivi), la mamma potrebbe invitarlo a raggiungere il suo letto nella cameretta, e dopo averlo salutato dolcemente, potrebbe lasciare la stanza, rimanendo però nelle vicinanze per controllare la reazione del piccolo. Se Pietro non richiede attenzioni, significa che la situazione non lo mette a disagio e che forse, anche solo per quella sera, è disposto ad addormentarsi in autonomia. Se invece non è pronto, richiamerà l’attenzione del genitore, che potrebbe aiutare il piccolo in modo graduale, ad esempio dicendogli: «Mi fermo un po’ qui». Se ciò non bastasse, il genitore può:

  • tenergli la mano;
  • narrargli una storia o cantargli una canzone o una ninnananna;
  • coricarsi al suo fianco;
  • tenerlo in braccio.

L’aiuto è necessario dove occorre, e se il bambino chiede aiuto, il genitore dovrebbe rispondere con “dosi” e modalità appropriate. Quando il piccolo si dimostra pronto a un distacco, non dovrebbe essere ostacolato, né dovrebbe essergli negata la vicinanza fisica se lo richiede. Crescendo, Pietro sarà appagato dalla sola vicinanza emotiva, perché sereno e sicuro di sé.

Per approfondire
Qui abita un bambino Qui abita un bambino
Qui abita un bambino
Ambienti e attività Montessori per favorire l'autonomia in casa, ogni giorno
di Annalisa Perino, pedagogista
Acquista

Se l’autonomia regredisce

Alcune situazioni possono far regredire il bambino rispetto all’autonomia acquisita nella gestione del sonno. Un nuovo lavoro della mamma, uno scatto nello sviluppo psicomotorio, la nascita di un fratello o l’inizio della scuola sono alcuni tra i più frequenti “scombussolamenti” che il piccolo cercherà di riequilibrare con la conferma dell’amore dei genitori: «Mamma, papà, mi amate comunque, vero?». In questi casi, se il bambino percepisce una carenza (anche solo immaginaria), cercherà di “recuperare” in qualche modo per tutelare il proprio benessere, ad esempio di notte, chiedendo una maggior vicinanza dei genitori.

I micro-risvegli

Ciascuno di noi vive dei micro-risvegli notturni: l’adulto li gestisce in autonomia, mentre il bambino deve imparare a farlo. La consolazione che viene offerta fin dalla gravidanza, e poi con la nascita, dall’odore, dal calore, dal respiro del genitore, lentamente passa nelle mani del bambino. Prima e meglio si risponde al bisogno, prima questo sarà soddisfatto e scomparirà. Come? Per alcuni genitori è meno faticoso accogliere il bambino nel proprio letto, per altri, invece, lo è alzarsi (anche più volte) e raggiungere il piccolo. In entrambi i casi, ciò che non turba il bambino non può essere dannoso. Il malessere del bambino, al contrario, dimostra la sua immaturità: in questo caso occorre rallentare, facendo un passo verso di lui e rispondendo a quell’umiltà che Maria Montessori tanto si augurava per l’adulto educante.

Anche nel sonno ci vuole ordine

Come per la concentrazione, l’apprendimento e il benessere emotivo, anche per il sonno la parola chiave è ordine. Distinguiamo quattro tipologie:

Ordine emotivo

  • non lasciar piangere il bambino
  • non sgridarlo se si sveglia
  • non farlo sentire in colpa perché vuole stare con i genitori
  • non allontanarlo o lasciarlo solo se chiede vicinanza
  • non sostituire il contatto con succhiotti o pupazzi

Ordine ambientale

  • abbassare le luci e spegnere i dispositivi elettronici circa un’ora prima della nanna
  • consentire al bambino di svegliarsi dove si è addormentato
  • usare un lettino basso per aumentare la libertà di movimento e ridurre ansia e pianti

Ordine degli eventi

  • creare un rituale dell’addormentamento semplice ma stabile e riproducibile
  • evitare di svegliare il bambino durante la notte
  • non offrirgli cibi né bevande zuccherate nelle ore notturne

Ordine temporale

  • mantenere stabile l’ora della nanna creando rituali semplici e riproducibili
  • fissare l’ora della nanna non troppo presto, quando il piccolo non è stanco, e non troppo tardi, quando invece riuscirà difficilmente a gestire la stanchezza
SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF
Immagine per l'autore: Annalisa Perino
Annalisa Perino

formatrice, pedagogista e autrice, progetta e coordina servizi per la prima infanzia e svolge corsi di formazione per insegnanti e genitori sulla pedagogia montessoriana. Autrice del libro Qui abita un bambino edito da UPPA Edizioni, cura la rubrica “Faccio io!” su UPPA.

Bibliografia:
Articolo pubblicato il 22/05/2020 e aggiornato il 22/05/2020
Immagine in apertura LightFieldStudios / iStock

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia