Argotone e Argento proteinato per liberare il naso

Che differenze ci sono tra questi due farmaci per il raffreddore? Possono essere usati nei bambini o ci sono controindicazioni?

Vincenzo Calia,
pediatra
Argotone in gocce per il naso

Che differenza c’è tra Argotone e Argento proteinato? Qual è più indicato per lattanti? Per decongestionare le mucose in caso di raffreddori, a parte le varie soluzioni iso o iper toniche, che altro c’è?

Per molti anni, poiché i bambini sono spesso raffreddati e hanno spesso il naso chiuso, si sono adoperati farmaci a base di vasocostrittori: questi farmaci hanno un effetto immediato e liberano il naso per alcune ore. Ma, una volta cessato l’effetto, il naso si richiude come prima. Non solo, il loro uso continuo e spesso esagerato può danneggiare la mucosa del naso. Alla fine il rimedio poteva essere peggiore del male.

SPECIALE
Febbre e raffreddori
Tutto quello che c’è da sapere per affrontare con serenità febbre, mal di gola e raffreddori di ogni tipo
Scarica il PDF

L’Argotone fino a qualche anno fa era un vasocostrittore e perciò le agenzie che regolano il commercio dei farmaci, che sono molto attente a evitare gli effetti indesiderati, hanno deciso di vietarne l’uso nei bambini.
Il nome commerciale Argotone è rimasto, anzi si è esteso a una intera linea di prodotti per il naso, ma dentro non c’è più il vasocostrittore: l’effetto è naturalmente molto meno evidente, ma i rischi  di un uso non corretto non ci sono più. Di fatto ormai si usano nei bambini solo soluzioni saline e blandi disinfettanti, qualunque sia il nome commerciale che hanno, la composizione è sempre quella: il loro effetto terapeutico non è molto superiore a quello di una buona soffiata di naso, ma più di questo non si può avere. Per fortuna però il raffreddore passa lo stesso in pochi giorni, anche senza mettere nulla nel naso di grandi e piccini.

Per approfondire
Zerocinque
Il manuale di UPPA sulla salute e l’educazione del bambino da 0 a 5 anni
di AA.VV.
Acquista
Immagine per l'autore: Vincenzo Calia

Vincenzo Calia, pediatra e giornalista, ha esercitato per quarant’anni come pediatra di famiglia nel Servizio sanitario nazionale e ha fondato nel 2001 il bimestrale per i genitori UPPA, che ha diretto per 16 anni. Attualmente è un pediatra libero professionista.

Pubblicato il 06.05.2014 e aggiornato il 21.11.2019
Immagine in apertura ADragan / iStock / Getty Images Plus