Il neonato non fa la cacca

I neonati talvolta non riescono a fare la cacca; è normale e non c'è nulla di cui preoccuparsi. Ne parliamo con il pediatra

Vincenzo Calia, pediatra
Il momento del cambio pannolino del neonato

La mia bimba, di due mesi e mezzo, da circa un mese fa la cacca ogni sei giorni, e l’ultima volta addirittura dopo 10. È allattata esclusivamente al seno e so, anche leggendo un vostro articolo, che può dipendere dalla leggerezza delle feci e dalla fisiologica difficoltà del neonato a fare la cacca in questo periodo della vita. Inoltre le feci, quando arrivano, sono morbide e color ocra. Per tale motivo cerco di non entrare in ansia ma al contempo mi domando se 10 giorni non siano davvero troppi! Qual è il limite di attesa?
Sono solo un “genitore fragile” o potrebbe esserci qualche altro problema? La pipì è abbondante ma dagli esami delle urine sono risultati 5-10 leucociti, il pediatra ha detto che non è nulla e di ripetere le analisi la prossima settimana solo per stare più tranquilli. Le due cose potrebbero essere collegate? Potrebbe esserci una lieve infezione dovuta al ristagno delle feci?
Federica

Questa lettera ci suggerisce due considerazioni: i genitori sanno già la risposta alla maggior parte delle domande, ma l’ansia è più forte della ragione. I pediatri sono spesso deboli e accondiscendenti: che senso ha fare un esame delle urine in un caso del genere? E poi perché mai bisognerebbe ripeterlo?

Le risposte alle domande della lettrice invece sono queste:

  • Non c’è limite di tempo per l’emissione delle feci di un lattante; qualunque intervallo fra un’evacuazione e l’altra non è mai pericoloso.
  • L’infezione urinaria si manifesta con ben altri sintomi (febbre soprattutto); perciò non serve fare esami delle urine in casi del genere.

E allora che fare? Niente, assolutamente niente!

Aiutare a fare la cacca?

Filippo tra una settimana avrà quattro mesi: dal giorno della nascita ha fatto la cacca da solo pochissime volte (praticamente una decina). Prende solo il mio latte, ma la sera spesso sta male, tira le gambe e piange mentre la pancia gli borbotta. Così, anche su consiglio della pediatra, lo “aiuto” con la punta del termometro e l’olio d’oliva: 100 volte su 100 ottengo lo stesso risultato, Filippo fa la cacca, della consistenza di una “mousse”, e subito dopo ride, si rilassa e spesso si addormenta. Pensavo potesse essere un problema di stitichezza, ma mi sono accorta che in realtà il problema sta nel fatto che quando avverte lo stimolo, chiude le gambe, le natiche e anche il sederino. Con la stimolazione si rilassa e fa la cacca praticamente da solo. Mi chiedo: visto che questo avviene tutti i giorni, alcune volte anche più volte al giorno, è normale continuare così? Oppure devo farlo star male e aspettare che la faccia comunque da solo? Non si starà abituando “male”, visto che spesso appena lo metto sul fasciatoio alza le gambe e inizia a spingere non correttamente (quasi a farmi capire che ha bisogno del mio aiuto)?

Isabella

Il problema segnalato è molto frequente ed è stato trattato più volte, da diversi punti di vista, su UPPA: digitando, molto prosaicamente, la parola “cacca” sul motore di ricerca del nostro sito, compaiono infatti decine di interventi; chi vuol approfondire l’argomento è invitato a farlo.

Si tratta dell’incapacità di alcuni bambini molto piccoli di sincronizzare tutti i movimenti indispensabili per evacuare e, in particolare, di dilatare lo sfintere anale nel momento in cui si mettono in tensione i muscoli dell’addome. Certamente, anche se nessuno li stimolasse, questi bambini evacuerebbero, prima o poi. Le stimolazioni sono perciò un aiuto, ma non sono indispensabili.

Per approfondire
Zerocinque Zerocinque
Zerocinque
Il manuale di UPPA sulla salute e l’educazione del bambino da 0 a 5 anni
di AA.VV.
Acquista

È difficile (se non impossibile) dire se sia meglio stimolare questi bambini oppure no: può darsi che se non fossero stimolati, avrebbero più opportunità per imparare da soli. Ma i genitori, il più delle volte, non se la sentono di sopportare neppure la più piccola sofferenza del loro bambino e così lo aiutano ogni volta che possono.

Latte artificiale e cacca

Mio figlio ha due mesi ed è nutrito con latte artificiale. Ha sempre evacuato regolarmente, da un paio di giorni fa fatica. L’ho stimolato con la puntina del termometro e si è liberato, ma il giorno dopo vedevo ancora che faceva fatica a evacuare. Cosa potrei fare? Fino all’altro giorno ha sempre evacuato senza problemi. Cosa può essere successo e come posso rimediare? Non voglio doverlo sempre stimolare altrimenti non impara a farla da solo.

Angie

Tutti, o quasi tutti i bambini di poche settimane o pochi mesi, sia che siano allattati al seno, sia che siano allattati al biberon, hanno ogni tanto delle difficoltà nel fare la cacca. Tutti, o quasi tutti i genitori si allarmano per questo. Inutilmente, perché non c’è nessun rischio e si può anche non fare nulla, ma aspettare che prima o poi il bambino riesca a evacuare.

Qualche volta, se proprio si ha l’impressione che la cacca stia per uscire ma il bambino non ce la fa a espellerla, si può ricorrere a una stimolazione con un sondino o uno strumento simile (supposta, microclima ecc.).

SPECIALE
Il primo anno
Dall’allattamento alle coliche, dal raffreddore al baby wearing, una guida per iniziare con il piede giusto
Scarica il PDF
Immagine per l'autore: Vincenzo Calia
Vincenzo Calia

pediatra e giornalista, ha esercitato per quarant’anni come pediatra di famiglia nel Servizio sanitario nazionale e ha fondato nel 2001 il bimestrale per i genitori UPPA, che ha diretto per 16 anni. Attualmente è un pediatra libero professionista.

Bibliografia:
Articolo pubblicato il 15/06/2014 e aggiornato il 26/06/2020

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia