Asma nei bambini: domande frequenti

Raramente un attacco di asma si rivela effettivamente pericoloso. Ma è comunque bene saperne di più su questa malattia infiammatoria delle vie aeree. Ecco le risposte alle domande più frequenti

Federico Marolla, pediatra
Inalatore e accessori per nebulizzatore

Trattamento

Molto raramente per curare l’asma c’è bisogno di uno specialista broncopneumologo; la maggior parte dei bambini asmatici infatti soffre di asma lieve o moderato. Il pediatra di famiglia ha competenze ed esperienza sufficienti e soprattutto è molto più accessibile e vicino alla famiglia. Sarà lui che, in caso di necessità, chiederà una consulenza.

Attacco d’asma

Un primo attacco di asma può spaventare i genitori, ma comunque è sempre meglio rivolgersi al proprio pediatra curante; è molto raro infatti che un attacco di asma sia effettivamente pericoloso.

Farmaci

I farmaci mucolitici, fluidificanti o calmanti della tosse non servono, anzi possono addirittura essere dannosi.

Sudore e raffreddore

È vero che un bambino asmatico non deve correre altrimenti suda e si raffredda? Assolutamente no. I bambini asmatici devono fare le cose che fanno tutti i bambini.

Omeopatia e medicine alternative

Ai nostri giorni non si può più “andare a naso” o “seguire un’opinione”: siamo abituati alla medicina basata sull’evidenza, o meglio sulle prove. Non c’è nessuna prova – semmai prove contro – che l’agopuntura, l’omeopatia o altri trattamenti “alternativi” abbiano efficacia nel trattamento dell’asma.

Rinite allergica

Rinite allergica e asma sono associate; infatti 8 soggetti asmatici su 10 hanno o avranno anche la rinite allergica, mentre da 1 a 4 con la rinite allergica soffrono o soffriranno anche di asma.

Dermatite atopica

La presenza di dermatite atopica nei primi 2 anni di vita si associa a un maggiore rischio di sviluppare l’asma, soprattutto tra i bambini maschi.

SPECIALE
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF

Vaccini

Quello dei vaccini desensibilizzanti è un trattamento lungo e costoso, che può essere preso in considerazione solo quando siamo sicuri che la causa dell’asma sia un allergene; la terapia con questi vaccini può far sì che si riduca la risposta a quell’allergene.

Sulle cause dell’asma, consigliamo la lettura del nostro articolo Asma: una patologia multifattoriale.

Per approfondire
Zerocinque Zerocinque
Zerocinque
Il manuale di UPPA sulla salute e l’educazione del bambino da 0 a 5 anni
di AA.VV.
Acquista
Immagine per l'autore: Federico Marolla
Federico Marolla

nato a Roma, dove si specializza in Pediatria e frequenta il dottorato di ricerca. È membro dell’Associazione Culturale Pediatri e del gruppo Pediatri per Un Mondo Possibile. È coautore dei libri "Il bambino disattento e iperattivo" (Franco Angeli) e "Mangiare per crescere. Consigli per genitori in gamba" (Il Pensiero Scientifico).

Articolo pubblicato il 11/05/2015 e aggiornato il 07/05/2020
Immagine in apertura Davizro / iStock / Getty Images Plus

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia