Allattamento: le domande frequenti e le risposte degli esperti

Tutte le domande frequenti che i neogenitori possono avere, con le risposte degli esperti di UPPA, sui dubbi relativi all'allattamento

Sergio Conti Nibali,
pediatra e direttore di UPPA
Allattamento: le domande frequenti e le risposte degli esperti

Ecco alcune delle domande frequenti (e relative risposte) che i neogenitori si pongono, soprattutto le neomamme, riguardo l’allattamento del proprio bambino.

Domande frequenti: quanto latte deve succhiare un lattante per ciascuna poppata?

Nessuno lo sa con precisione, eccetto… lui stesso. Perciò non ha senso cercare di seguire eventuali tabelle che spesso si leggono sui cartellini di dimissione delle cliniche e degli ospedali; ogni bambino succhierà infatti la sua dose di latte, ogni poppata sarà diversa dalla precedente e dalla successiva.

Conviene fare la “doppia pesata” per accertarsi che il latte materno sia abbastanza?

Non conviene, perché la doppia pesata il più delle volte genera ansia; in realtà ogni lattante manda dei segnali per far capire alla sua mamma se è più o meno sazio. Questi segnali sono più attendibili di qualunque bilancia; se per caso dovessero dire «ho ancora fame», sarà bene che la mamma attacchi al seno il bambino più spesso e più a lungo. Il continuo succhiare stimolerà la produzione di un maggior quantitativo di latte e, nel giro di qualche giorno, il bambino si dimostrerà sazio e soddisfatto.

È vero che durante l’allattamento la mamma deve evitare alcuni cibi particolarmente saporiti?

Non è vero. Sicuramente il sapore del latte materno cambia a seconda di quello che la mamma mangia, alcuni cibi possono dare infatti al latte un gusto particolare. Però gli esseri umani sono onnivori, cioè mangiano di tutto ed è bene che, fin dal primo giorno di vita, si abituino a cambiare spesso i sapori: avranno meno difficoltà quando saranno più grandi e dovranno imparare a mangiare di tutto. In alcuni (rari) casi, il pediatra sconsiglierà alla mamma l’assunzione di alimenti che possono disturbare un bambino “intollerante”.

SPECIALE
Il primo anno
Dall’allattamento alle coliche, dal raffreddore al baby wearing, una guida per iniziare con il piede giusto
Scarica il PDF

Si possono prendere farmaci durante l’allattamento?

Se è necessario si. I farmaci, ai giusti dosaggi, sono innocui per chi li prende (la mamma in questo caso); se consideriamo che solo una piccola parte di questi farmaci passerà nel latte, capiamo bene che alla fine al bambino arriverà poco o niente e perciò non ha senso sospendere l’allattamento. Non è neppure utile che una mamma che allatti rinunci a una terapia necessaria per paura di danneggiare il bambino; facendo così starebbe probabilmente peggio e quindi produrrebbe meno latte. Insomma meglio il latte di mamma con un po’ di “medicine”, che niente latte di mamma. Ne abbiamo parlato ampiamente in questo articolo.

Che fare quando c’è un ingorgo mammario?

L’ingorgo mammario si verifica, specialmente nei primi giorni dell’allattamento, quando il seno produce più latte del necessario e non si svuota mai del tutto. La mammella si gonfia, diventa calda e fa molto male; anche i tentativi di svuotarla con il tiralatte sono dolorosi. Degli impacchi caldi e umidi aiuteranno il seno a sgonfiarsi, insieme a una delicata spremitura che si può fare così: si scalda in acqua bollente una bottiglia con il collo largo (come quella dei succhi di frutta), si raffredda il bordo e si applica a ventosa sul capezzolo. In pochi minuti la bottiglia (e l’aria che c’è dentro) si raffredderanno diminuendo di volume e creando una depressione che succhierà dolcemente il latte dal capezzolo senza che la mamma senta dolore. Dell’ingorgo mammario abbiamo parlato in dettaglio qui.

GRATIS
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF

Si possono evitare le ragadi?

Per evitare lo dolorose ragadi del capezzolo seguite questi consigli:

  • Non usate sapone per lavare il seno (solo acqua!)
  • lasciate asciugare un po’ di latte sulla superficie del capezzolo alla fine di ciascuna poppata
  • tenete, quando è possibile, il seno scoperto
  • cercate di attaccare il bambino correttamente in maniera che possa tenere in bocca non solo il capezzolo, ma anche l’areola mammaria come in questa illustrazione:

Presa corretta allattamento

Immagine per l'autore: Sergio Conti Nibali

Sergio Conti Nibali, pediatra, è responsabile del gruppo nutrizione dell’Associazione Culturale Pediatri e fondatore dei “No Grazie”. È tutor e valutatore per l’iniziativa “Insieme per l’allattamento” dell’UNICEF. È autore di oltre 200 pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali, membro del comitato editoriale di Quaderni ACP e, da luglio 2016, direttore di UPPA magazine.

Pubblicato il 24.06.2013 e aggiornato il 03.09.2019