Come favorire lo sviluppo delle capacità motorie

Cosa possono fare i genitori per favorire lo sviluppo delle capacità motorie del bambino? Lasciandolo libero di sperimentare

Giuseppe Sparnacci,
psicoterapeuta
Come favorire lo sviluppo delle capacità motorie

Alla nascita il bambino è totalmente dipendente dall’adulto che se ne prende cura. È l’adulto che lo sposta, lo cambia di posizione, gli sorregge la testa. Nell’arco dei primi 18 mesi questa condizione di dipendenza viene superata. Il bambino, in una progressione che va dalla capacità di sostenere la testa, mettersi a sedere senza appoggio, spostarsi (rotolando o strisciando o andando carponi), mettersi in piedi, iniziare a camminare, acquista una autonomia motoria generale che lo rende indipendente dall’adulto e capace di muoversi nell’ambiente senza dover ricorrere all’aiuto di altri.

Le conquiste del bambino

Conquistare la possibilità di sedersi senza appoggio e poi di stare in piedi comporta la grande possibilità di avere le mani libere per manipolare gli oggetti. Anche nella manipolazione si assiste a una progressione di presa con la possibilità di utilizzo sempre più precisa e raffinata: dalla presa iniziale con tutte le dita (dal secondo al quarto mese), alla capacità di afferrare gli oggetti con le ultime tre dita (mignolo, anulare, medio) opponendole al palmo della mano (quattro/sei mesi), il bambino riuscirà finalmente a orientare con precisione le mani e svilupperà quella tipica prensione umana che consiste nell’opporre il pollice all’indice, rendendolo capace di afferrare anche oggetti molto piccoli (sei/nove mesi).

SPECIALE
Attività Montessori
Una raccolta di attività ispirate al metodo Montessori da preparare in casa con oggetti di uso quotidiano
Scarica il PDF

Questa descrizione è legata a ciò che, dei movimenti, è possibile osservare in maniera esteriore. Molti processi innescati dalle conquiste motorie non possono essere osservati direttamente. Ciò che succede in queste fasi di acquisizioni motorie è qualcosa di complesso e affascinante.

Il ruolo del cervello

Nel nostro cervello c’è un’area appositamente abilitata al movimento, la cosiddetta “corteccia motoria”. In quest’area vengono “raggruppati” tutti i programmi di tutti i movimenti che siamo capaci di eseguire. Alcuni di questi programmi sono geneticamente predefiniti: come sostenere la testa e mettersi a sedere. La stragrande maggioranza dei programmi motori però sono appresi: portare il cibo alla bocca con uno strumento (cucchiaio o forchetta), bere da un bicchiere, salire le scale, svitare un bullone, piantare un chiodo.

Anche imparare a parlare ricorre a una componente di programmazione motoria: articolare e pronunciare correttamente un suono nella propria lingua, vuol dire imparare a produrre quel suono mediante movimenti della laringe, palato, lingua.

Ogni programma di movimenti, inoltre, è controllato dalla corteccia motoria anche nel senso specifico che se avviene in maniera errata, viene corretto. La correzione dei movimenti sbagliati o inefficaci è evidente in maniera particolare durante le fasi di apprendimento di un programma motorio. Quindi, sbagliando si impara, soprattutto nelle acquisizione motorie.

Movimento e funzioni mentali

La notevole quantità di programmi motori che il bambino elabora nei primi mesi dalla nascita dà forma a tutte quelle funzioni che siamo soliti chiamare mentali (memorizzazione, consapevolezza, percezioni, pensiero, linguaggio e così via). È attraverso il movimento che il bambino valuta le caratteristiche delle cose e costruisce la sua rappresentazione della realtà. Lo osserviamo instancabile in attività che gli procurano anche piacere: si sposta, tocca, afferra oggetti, li osserva con attenzione, li agita, li batte, li lancia, ne ascolta i rumori, li sposta, vi scivola dentro, vi sale sopra, travasa, riempie e vuota, si sposta, e così apprende forme, dimensioni, direzioni, relazioni di spazio e di tempo.

Dalla ripetitività delle sue azioni e di quelle che gli altri rivolgono a lui, nasce la memoria. Una memoria che è, prima di tutto, di tipo procedurale, che mantiene cioè la sequenza dei movimenti necessari per svolgere qualsiasi compito motorio. Si comincia a mantenere in memoria una strutturazione spaziale entro la quale intervenire con i nostri movimenti o sollecitando i movimenti altrui: ho fame e progressivamente imparo a eseguire procedure per richiamare l’attenzione dell’adulto. Ho bisogno di rassicurazione o di vicinanza oppure desidero qualcosa ma è troppo lontano: il bambino mantiene in memoria e arricchisce progressivamente i comportamenti che sono stati efficaci per ottenere questi obiettivi.

SPECIALE
Il primo anno
Dall’allattamento alle coliche, dal raffreddore al baby wearing, una guida per iniziare con il piede giusto
Scarica il PDF

Spazio e tempo

La correlazione dei movimenti nello spazio permette di elaborare un prima e un dopo e quindi si arricchisce da subito anche di una dimensione temporale. Le due coordinate spazio e tempo, entro le quali collocare la nostra vita nel suo svolgersi, nascono dal movimento che il bambino sperimenta. Queste coordinate saranno elaborate in misura sempre più ampia e complessa e ci vorranno anni (almeno fino alle soglie dell’adolescenza) per impadronirsi di loro in maniera completa. Il prima e il dopo di un’azione, la modificazione di qualcosa che avviene tramite i movimenti eseguiti, apre la strada per una interpretazione dell’ambiente con i principi di causalità: se faccio questo allora consegue che…

Gli scambi con gli adulti che si prendono cura del bambino sono primariamente scambi che avvengono attraverso atti motori: l’adulto prende il bambino, gli offre il cibo, lo lava, lo accarezza. Il bambino ricambia con sorriso, movimenti del corpo, vocalizzazioni. Dallo scambio di questi atti nasce il senso della propria e dell’altrui identità.

Tra i 12 e i 18 mesi il bambino inizia a riconoscere gli altri non più solo sulla base di singoli tratti esteriori e comportamentali, ma tramite una complessa attività di riflessione e valutazione che porta alla creazione di rappresentazioni mentali che riconoscono stabilità, oltre che degli oggetti, anche delle persone nel tempo e nello spazio e che riconoscono agli altri stati intenzionali ed emotivi. In questa epoca il bambino conquista la capacità di comprendere che gli altri sono entità separate da lui e sono dotate di caratteristiche specifiche e diverse dalle proprie.

La sperimentazione motoria indispensabile

Quanto è stato detto sopra comporta un’importante corollario. Se l’attività motoria è per il bambino la base di tutte quelle funzioni mentali che gli permetteranno di muoversi adeguatamente nell’ambiente, quest’attività deve essere la più possibile libera. Quanto più si lascia al bambino lo spazio e il tempo di sperimentazione tanto più si arricchiscono i suoi programmi motori e tanto più si lascia possibilità di crescita alle funzioni mentali.

GRATIS
Scarica una copia di UPPA
La rivista per i genitori, scritta dagli specialisti dell'infanzia, indipendente e senza pubblicità
Scarica il PDF

Questo vuol dire che l’ambiente giornaliero, la vita quotidiana, offre di per sé stimoli sufficienti al bambino. Non importano, o possono essere d’impedimento, giocattoli troppo strutturati, o il ricorso a sofisticate tecnologie. L’ambiente di vita è di per sé una complessa palestra di sperimentazioni per il bambino nei primi mesi di vita: dagli spazi e oggetti da conquistare, alle relazioni con gli altri (adulti e bambini), agli apprendimenti da fare propri (camminare, mangiare da solo, salire le scale, ecc.). E tutto questo nel bambino avviene come scoperta, conquista e piacere.

Pubblicato il 05.05.2015 e aggiornato il 27.02.2019