Quanto deve crescere un lattante?

Quali sono le linee guida OMS sul peso? Cosa fare se la crescita rallenta? La risposta della pediatra Elena Uga

Elena Uga,
pediatra
Quanto deve crescere un lattante?

Scrive una mamma in una lettera arrivata in redazione:

Gentili dottori, sono madre di una bambina di tre mesi che ho sempre allattato al seno. Nel corso delle visite precedenti, la pediatra non ha mai perso l’occasione di dire qualcosa di scoraggiante riguardo l’allattamento al seno, ma, fino a questo momento, tutto andava bene. La bimba cresce, è vivace e in buona salute. Alla visita di oggi pesava 5,3 kg, vale a dire 400 grammi di più del mese scorso. Secondo la dottoressa, i bambini dovrebbero crescere 600 grammi al mese, quindi «forse il mio latte non è abbastanza nutriente». Di fronte al mio desiderio di continuare l’allattamento esclusivo al seno, mi ha detto che per il momento posso continuare, ma se alla prossima visita la curva del peso non sale abbastanza, si vedrà costretta a insistere per un’aggiunta di latte artificiale. Sto sbagliando a volerle dare solo il mio latte? È così grave se l’aumento ponderale non è esattamente lo stesso ogni mese? La bambina pesava 3,14 kg quando è nata, 3,96 kg a un mese, 4,52 kg a un mese e mezzo, 4,90 kg a due mesi.

Claudia

Cara Claudia,

se consideriamo l’accrescimento ponderale della tua piccola nei primi due mesi è stato eccellente (quindi il tuo latte, come quello di ogni mamma, è nutriente), ma effettivamente nel terzo mese la crescita è un po’ rallentata e a questo proposito vorrei fare alcune considerazioni: innanzitutto secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la crescita minima sufficiente nel primo trimestre è di circa 450 g al mese, quindi è oggettivo che la tua piccola ha rallentato, ma non ci scostiamo poi molto da quanto è tollerato.

Il secondo punto è, come ti dicevo, che la qualità del latte materno non cambia. Bisogna innanzitutto capire se c’è un problema o se solo la tua piccola ha messo le scorte nei primi due mesi e poi ha rallentato un po’: si attacca al seno almeno 7-8 volte al giorno? Fa pipì abbondante e chiara? Hai introdotto elementi come il succhiotto che potrebbero interferire con la suzione? Sei particolarmente stanca?

SPECIALE
Il primo anno
Dall’allattamento alle coliche, dal raffreddore al baby wearing, una guida per iniziare con il piede giusto
Scarica il PDF

Badando a queste piccole attenzioni ti direi di ripesare la piccola a distanza di 2-3 settimane. Se effettivamente la crescita fosse ulteriormente rallentata la soluzione non è il latte artificiale (e in caso di vera necessità la prima integrazione è il latte materno spremuto), ma è capire perché la piccola prende meno latte o perché cresce meno pur prendendo abbastanza latte. Una volta che la tua pediatra ha escluso un problema medico ti consiglio, se il problema persiste, di rivolgerti a una consulente in allattamento per capire, per esempio, come aumentare il latte materno, e vedrai che chi la dura la vince.

Immagine per l'autore: Elena Uga

Elena Uga, pediatra, lavora presso l'ospedale S. Andrea di Vercelli e si occupa nello specifico di allergologia, allattamento e ambiente. Dal 2011 collabora come autore per UPPA.

Pubblicato il 25.06.2013 e aggiornato il 02.08.2018
Immagine in apertura jeffstrauss / E+ / Getty Images