Ricette per l’autosvezzamento pronte in 15 minuti

Il bambino mostra sempre più interesse verso il vostro cibo e vi chiede degli assaggi. Cosa proporgli? In genere, il piccolo può mangiare quello che cucinate per voi, ma se proprio vi manca la fantasia… ecco alcune ricette veloci e sane per l’autosvezzamento

Caterina Vignuda, pediatra
Bambino sorride in attesa della pappa

Vostro figlio si avvicina al fatidico sesto mese e l’idea dello svezzamento imminente vi mette un po’ d’ansia? Avete sentito racconti di tentativi estenuanti, pappine che vengono sputate, strilli e strepiti appena viene messo il bavaglino? Tranquilli, quella dello svezzamento è una tappa destinata ad andare bene in ogni caso.

Una tappa complicata?

Può capitare che dopo il compimento del sesto mese di età il bambino non sia ancora pronto, che non mostri alcun interesse verso cibi diversi dal latte. In tal caso, l’atteggiamento più saggio, rispettoso e utile da parte degli adulti è quello di dare fiducia al piccolo e aspettare che sia lui a manifestare interesse verso il cibo solido. Compito dei genitori è quello di far sedere il bambino a tavola durante i pasti della famiglia e vedere se è attratto dai cibi presenti; se sembra fortemente interessato basta proporgli piccolissimi assaggi di quello che si sta mangiando, in modo che possa portarli alla bocca da solo o, se lo richiede, essere imboccato.

SPECIALE
Guida all'autosvezzamento
Come passare al cibo “dei grandi” senza drammi, lo speciale a cura del pediatra Lucio Piermarini
Scarica il PDF

Importante: noi possiamo proporre, ma il bambino ha il diritto di provare, rifiutare e decidere quando basta. Quindi nessuna ansia da prestazione: è il piccolo che deve fare tutto da sé.
Evitiamo di voler infilare un boccone in più. Se il bambino chiude la bocca o gira la testa dall’altra parte dimostriamogli la nostra intelligenza accettando questo chiarissimo messaggio non verbale.

Autosvezzamento a 6 mesi: quali ricette?

Esistono due modi per svezzare un lattante: quello che si avvale inizialmente di pappine e omogenizzati e quello comunemente definito “autosvezzamento”, che, come detto, prevede di passare direttamente all’assaggio dello stesso cibo che mangiano i genitori. Questo secondo metodo è quello che si usava prima che venissero prodotti cibi liofilizzati e omogeneizzati, ed è tuttora utilizzato nel mondo meno industrializzato.

È un approccio di certo più gratificante rispetto al primo, ma richiede alcune accortezze. Per prima cosa – è bene ripeterlo – bisogna attendere che sia il bambino a dare segnali di interesse vero il cibo dei grandi: allungherà le manine, chiederà un assaggino; deve, insomma, essere pronto, in caso contrario bisognerà aspettare i suoi tempi.

Seconda accortezza: ogni bambino è diverso, c’è quello famelico e onnivoro e quello neofobico e inappetente, quello che ama i sapori decisi e quello che vuole solo cose poco condite. Prendiamo atto che questo fattore non dipende da noi, ma dal temperamento di ogni bambino, che andrà comunque rispettato e accettato.

Ultima accortezza, inderogabile: si cucina in modo sano, partendo da materie prime di qualità, evitando cibi precotti o industriali e un utilizzo eccessivo di sale.

Per approfondire
Io mi svezzo da solo! Io mi svezzo da solo!
Io mi svezzo da solo!
Dialoghi sullo svezzamento
di Lucio Piermarini, pediatra
Acquista

Autosvezzamento: ricette veloci

Dunque il bambino può mangiare quello che cucinate per voi. Ma immagino abbiate qualche perplessità: «Anche le lasagne?… E la frittata con le cipolle?». La risposta è: sì, se il piccolo dimostra di gradire queste pietanze.

Di ricette veloci e sane per l’autosvezzamento, che consentano di mettere tutti in tavola, lattante compreso, in circa un quarto d’ora, ne esistono molte. Eccone per voi alcune, utili se vi manca la fantasia. Le dosi sono calcolate per tre-quattro persone.

Salmone al pesto

  • Pelate due o tre patate, tagliatele a cubetti e lessatele in acqua o al microonde
  • Fate cuocere in padella con poco olio e due fette di salmone fresco, quindi togliete la pelle e la lisca centrale del pesce
  • Mettete in una ciotola le patate tiepide, il salmone tagliato a pezzetti e un cucchiaio colmo di pesto, rigirate e servite in tavola (per il bambino, schiacciate le patate e sminuzzate bene il salmone)

Farfalline verdi

  • Mentre cuocete 300 grammi di pasta, saltate in padella tre zucchine tagliate a listarelle facendole rosolare con poco olio
  • In una ciotola mettete due cucchiai di ricotta fresca e un bel ciuffo di menta tritata sottile (se non avete la menta va bene anche il basilico)
  • Versateci dentro la pasta cotta ma non troppo scolata, aggiungete le zucchine e girate bene per amalgamare il tutto

Pollo al forno

  • Preparate due sovracosce di pollo togliendo la pelle e l’osso centrale
  • Tagliatele a metà e assottigliatele con un batticarne
  • Sbattete assieme un uovo, un cucchiaio di senape dolce e una spruzzata di limone
  • Passate le fettine in questo composto e poi nel pangrattato, facendo aderire molto bene quest’ultimo
  • In una teglia leggermente unta infornate le fettine a 180 gradi per 15-20 minuti, girando a metà cottura (prima di servire, accertatevi che al centro siano ben cotte)
  • Per il bimbo tagliate a striscioline molto sottili, accompagnando con del purè di patate o carote
SPECIALE
Guida all'autosvezzamento
Come passare al cibo “dei grandi” senza drammi, lo speciale a cura del pediatra Lucio Piermarini
Scarica il PDF
Articolo pubblicato il 27/02/2020 e aggiornato il 27/02/2020
Immagine in apertura monkeybusinessimages / iStock

Condividi l'articolo

Copia di Prova di UPPA
La rivista indipendente, scritta per i genitori e senza pubblicità Sfoglia una copia