Gravidanza

Nelle 40 settimane di gestazione che portano dal concepimento alla nascita del bambino accadono diverse cose. Alcune molto evidenti, come ad esempio i cambiamenti fisici del corpo della donna, altre più nascoste, come la crescita del feto. La durata della gravidanza viene calcolata in settimane, a partire dalla data dell’ultima mestruazione, ed è perciò importante conoscere con certezza questa data. Se il parto avviene tra le 37 e le 41 settimane avremo una gravidanza “a termine”; “pretermine” (o parto prematuro) in caso di parto precedente alle 37 settimane; “protratta” se il parto avviene a 42 settimane o successivamente. Oltre a ciò, sarà utile avere informazioni su sintomi, esami da fare, calcolo del periodo fertile, corretta alimentazione, farmaci, attività consigliate e non.

Sport in gravidanza? Perché no!

Rita Breschi, ostetrica
Donna in gravidanza pratica il nuoto

In situazioni normali, la gravidanza trae dei benefici non tanto dal riposo ma da uno stile di vita attivo. Inoltre, la sedentarietà (in ogni momento della vita) non è un fattore neutro ma dannoso

Donne in gravidanza e influenza stagionale

Rosario Cavallo, pediatra di famiglia
Primo piano della pancia di una donna in gravidanza

La gravidanza è una delle condizioni che fa aumentare maggiormente il rischio di avere complicazioni gravi dell’influenza, quindi è opportuno vaccinarsi

Ecografia prenatale: tra benefici e perplessità

Alessandra Puppo, ostetrica

I benefici offerti sul piano diagnostico dall'ecografia sono ampi e non si ha alcuna notizia di danni conseguenti all'uso di ultrasuoni per lo studio del bambino in utero

Aborto spontaneo: dare voce al proprio dolore

Giorgia Cozza, giornalista e scrittrice
Donna nel reparto maternità

Il rischio di dimenticare l'esperienza di un aborto spontaneo non esiste, e il silenzio non è la strada giusta per superare questo trauma. Occorre invece che la donna abbia la possibilità di tirare fuori le proprie emozioni

Dilatazioni e anomalie renali nel bambino

Leopoldo Peratoner, pediatra
Ecografia in gravidanza, per rilevare eventuali dilatazioni e anomalie renali

L'ecografia in gravidanza o dopo il parto potrebbe evidenziare un'anomalia del rene o delle vie urinarie. Solo raramente si tratterà di un problema importante

Page 1 Page 6 Page 7 Page 8