Emozioni

Giuditta Mastrototaro,
pedagogista
intelligenza emotiva

Non possiamo crescere un figlio senza crescere noi stessi. A tal proposito sarà importante utilizzare la propria intelligenza emotiva, competenza che ci permette di risultare comprensibili all’altro

Giuditta Mastrototaro,
pedagogista
Bambino che con empatia bacia la madre sulla fronte

L'empatia è una competenza naturale che abbiamo fin dalla nascita e che affiniamo nel corso del nostro sviluppo. È importante favorirla e aiutare anche i nostri bambini a farlo

Claudia Ravaldi,
Psichiatra e psicoterapeuta
Uomo stringe tra le braccia la propria compagna

Il lutto perinatale si sperimenta quando si perde un bambino durante la gravidanza, durante il parto o dopo la nascita: si tratta di un’esperienza che colpisce una su sei e che trova poco spazio nella nostra cultura

Chiara Borgia,
pedagogista
Bambina visitata dal dottore

Durante la visita dal medico, parole e azioni dei genitori possono aiutare il bambino a capire che può fidarsi di chi ha di fronte

Silvana Quadrino,
psicologa e psicoterapeuta
Bambino abbraccia il papà

Il dialogo tra genitori e figli è diverso da famiglia a famiglia. Ma è proprio a partire da questa specificità che ogni genitore può imparare a rendere quel dialogo più ricco e più positivo, coinvolgendo anche l'aspetto emotivo

Giuseppe Sparnacci,
psicoterapeuta
Primo piano di bambina con lo sguardo verso l'alto

Sono molti i bambini che hanno almeno un amico immaginario e non c’è niente di strano o di preoccupante: è uno strumento utile per crescere e sviluppare la propria personalità

Pietro Briganò,
giornalista

«Ho pianto quando ho saputo che c'era, ho pianto quando è nato. Mi chiedo se non sia affetto da un'insolita forma di ipersensibilità paterna»

Paolo Roccato,
psicoanalista
Bambina che prova rabbia

La rabbia è un'emozione difficile da gestire sia per chi la prova sia per chi ne è oggetto. Lo psicoanalista Paolo Roccato ci aiuta a capire come affrontarla

Paolo Roccato,
psicoanalista
Bambino in lutto che si tiene la testa tra le mani

Il bambino dev’essere aiutato nell’elaborazione del proprio lutto: bisogna spiegargli che la persona cara è morta, e che cosa vuol dire morire, lasciandogli il tempo di capire e di esprimere le sue emozioni

Paolo Roccato,
psicoanalista

È necessario che i bambini conoscano e accettino i propri limiti, che imparino a riconoscere e rispettare sì le proprie esigenze, ma anche quelle altrui

Paolo Roccato,
psicoanalista
Bambino abbracciato alla mamma per l'ansia da separazione

Quando un bambino cresce è normale che compensi l'agitazione per le nuove sfide con un aumento della cosiddetta ansia da separazione. Non c'è da preoccuparsi, è sufficiente dare al bambino le attenzioni in più che chiede