L'alimentazione dei bambini

L’alimentazione è uno dei fattori che influiscono maggiormente sulla salute dei bambini e degli adulti.
Il latte è il primo alimento che il neonato assume alla nascita e che sarà sufficiente a fornirgli tutti i nutrienti specifici per la sua crescita fino al sesto mese di vita. Successivamente, con l’avvio dell’alimentazione complementare a richiesta, come più propriamente viene definito l’autosvezzamento, il bambino viene a contatto con gli alimenti che trova a tavola, per cui è importante che i genitori abbiano dei comportamenti alimentari salutari e rispettino le regole di una buona nutrizione, evitando cibi dannosi e dando preferenza ad alimenti non processati e a filiera corta.
Ecco quindi che l’educazione alimentare dei bambini passa attraverso l’imitazione delle abitudini alimentari dei genitori; stare a tavola con gli adulti comporta anche un coinvolgimento relazionale ed è un’occasione per educare e per confrontarsi.
Esistono molti modi per trasformare gli alimenti che acquistiamo in appetitosi piatti da condividere in famiglia: di ricette ne esistono tantissime e quelle delle tradizioni locali andrebbero custodite e tramandate alle future generazioni.
Una dieta sana, equilibrata e varia è il punto di partenza per il benessere e il primo passo per prevenire alcune tra le malattie più diffuse come l’obesità infantile.

Bocciato l’80% degli spot alimentari rivolti ai bambini

Anna Rita Longo, divulgatrice scientifica e insegnante, socia effettiva del CICAP e membro direttivo dell’associazione SWIM, collabora con diverse riviste di carattere scientifico e culturale
Bambini per terra che mangiano popcorn guardando la tv

Uno studio recente mette in luce come i programmi televisivi per l’infanzia siano inframmezzati da numerose pubblicità di cibi e bevande che trasmettono messaggi potenzialmente dannosi per una corretta educazione alimentare

Bambini al ristorante: vademecum, consigli e idee per i genitori

Federica Buglioni, autrice esperta in educazione alimentare
Famiglia si diverte durante un pranzo al ristorante

Esistono ristoranti dove i pasti sono lunghi e formali, inadatti ai più piccoli, e andrebbero quindi evitati. La scelta dovrebbe invece ricadere sui locali family friendly, ovvero adatto a tutta la famiglia. Non si tratta di luoghi “infantili”, bensì accoglienti, sensibili cioè alle esigenze dei clienti (adulti e bambini) e del personale che lavora in sala e in cucina

Rientro al lavoro: come gestire l’allattamento?

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Mamma allatta appena rientrata al lavoro

La ripresa dell’attività lavorativa di una mamma che allatta rappresenta purtroppo una delle principali cause di interruzione precoce dell’allattamento. In quest’ottica il rientro al lavoro, più che una scelta serena, può diventare un vero dilemma per la mamma

La cucina è la palestra della mano

Federica Buglioni, autrice esperta in educazione alimentare
Bambino impasta in cucina con le mani assieme al genitore

La mano, ovvero uno degli strumenti che il bambino usa di più per esplorare, conoscere e agire sul mondo, trova in cucina molte occasioni per allenarsi e sperimentare potenzialità. Rimane ovviamente la regola di non lasciarlo mai da solo mentre si dedica a una delle tante mansioni gratificanti che questo ambiente offre

La parola è protagonista a tavola

Federica Buglioni, autrice esperta in educazione alimentare
Famiglia parla a tavola durante il pasto

Il dialogo a tavola influenza le buone o cattive abitudini alimentari dei bambini tanto quanto gli ingredienti nel menu. A tal proposito sarà bene distinguere tra le parole che esprimono giudizi sull’alimento (fa bene o male, è buono o cattivo, fa ingrassare o fa dimagrire…), che sono sempre controproducenti, dalle “parole-informazione”, che saziano invece la fame di vocaboli e permettono di dare un nome a ogni cosa e sensazione

Tabelle, schemi e orari per lo svezzamento: servono davvero?

Caterina Vignuda, pediatra, specializzata nell’alimentazione dei bambini
Bimbo durante la fase di svezzamento

Le raccomandazioni dell’OMS sullo svezzamento non comprendono tabelle, schemi o orari da seguire, ma di allattare in modo esclusivo al seno fino a 6 mesi e di cominciare poi gradualmente a offrire del cibo complementare mantenendo comunque l’allattamento anche fino ai 2 anni e oltre

Latte materno e formule artificiali: quali differenze?

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Latte artificiale nei biberon e mamma che allatta il proprio bambino

Il latte materno è costituito da nutrienti specifici e perfetti per i piccoli della specie umana. Ecco quali sono e in che cosa differisce la composizione delle formule artificiali

Allattare in pubblico: un diritto da tutelare

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Mamma allatta il suo bambino in uno spazio pubblico

Nel tempo si è gradualmente persa l’abitudine di vedere donne allattare in spazi pubblici. Ma è importante sapere che la mamma che sceglie di allattare in pubblico fa un favore non solo a sé stessa e al suo bambino ma all’intera comunità, perché la sua azione ha un ruolo fortemente educativo

I vantaggi dell’allattamento di lunga durata per l’autonomia del bambino

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Allattamento prolungato tra mamma e bambina

Secondo il Ministero della Salute l’allattamento al seno di lunga durata non interferisce negativamente sull’autonomia del bambino e sul suo benessere psicofisico, ma anzi comporta numerosi vantaggi, sia per il piccolo sia per la mamma

Smetto quando voglio

Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta
Mamma allatta il proprio bambino

Per la mamma di oggi, l’allattamento non è solo una relazione con il suo bambino, ma anche con una realtà esterna giudicante. È importante che l’interruzione dell’allattamento venga vissuta come una naturale tappa evolutiva, senza rigidità e regole

È l’ora della colazione!

Verdiana Ramina, dietista
Vista dall'alto di una bambina che fa colazione

L’importanza della colazione viene spesso sottovalutata, mentre dovrebbe essere un momento prezioso in cui tutta la famiglia si riunisce intorno alla tavola per cominciare bene la giornata. Vediamo alcuni suggerimenti per organizzarla al meglio

Cibo e soffocamento: le misure per minimizzare i rischi

Sergio Conti Nibali, pediatra, consulente scientifico di Uppa e responsabile del gruppo nutrizione dell’Associazione Culturale Pediatri
Bambino mangia una fragola

Una delle principali cause di soffocamento del bambino è il cibo. Ecco quali sono i cibi che richiedono maggiore attenzione e come prepararli al fine di minimizzare il rischio di soffocamento

Nutrire con il biberon

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Bambino viene nutrito con il biberon

La scelta di un sostituto dovrebbe ricadere dapprima sul latte materno tirato o donato, ma se ciò non fosse possibile? Ecco entrare in gioco la formula artificiale attraverso biberon o tettarella

Potrò allattare dopo il parto cesareo?

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Madre allatta il proprio bambino

L’intervento chirurgico del cesareo può comportare una cascata di eventi: un inizio ritardato dell’allattamento che può tradursi in un ritardo della montata lattea e della produzione di latte; per il bambino, un attacco più difficoltoso e quindi un minor trasferimento di latte, che si tradurrà a sua volta in un calo di peso eccessivo

Integratori per allattare. Servono davvero?

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Mamma allatta il suo bambino

Gli integratori in commercio non solo non possono contare su nessuna prova a sostegno della loro efficacia, ma, se prescritti di routine, risultano perfino dannosi. Scopriamo perché

Papà e allattamento: un ruolo da non sottovalutare

Giorgia Cozza, giornalista e scrittrice
Papà abbraccia la sua compagna durante l'allattamento

Il papà non è solo una figura di sostegno. La sua figura gioca un ruolo specifico anche nella buona riuscita dellʼallattamento, e non va trascurata l’importanza degli altri gesti che fanno parte dellʼaccudimento del bambino

Colostro: proprietà e benefici di un latte in edizione limitata

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Neonato si nutre di colostro dal seno della madre

Scopriamo assieme le enormi proprietà nutritive e i benefici e le funzioni del colostro, il latte dei primi giorni di vita, il primo cibo del bambino

Allattare è un gioco di squadra

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Madre e bambino durante l'allattamento

L’allattamento è una questione di salute pubblica, ma le mamme hanno bisogno di avere intorno una comunità che le sostenga con i fatti. Le parole chiave sono condivisione, collaborazione e coordinamento

Posso allattare se…

Natalia Camarda, pediatra, consulente professionale in allattamento IBCLC, insegnante di massaggio infantile AIMI e membro dell’Associazione Culturale Pediatri
Madre allatta il proprio bambino

Sono molte le preoccupazioni e le domande delle mamme nel periodo dell’allattamento. Vediamo quali sono i miti e le false credenze su questo naturale e processo e come funziona realmente la produzione di latte materno

Stare bene con il cibo nei giorni del Coronavirus

Federica Buglioni, autrice esperta in educazione alimentare
Bambina che aiuta la mamma a preparare il cibo

Riscoprire insieme con i nostri bambini il piacere di cucinare e di usare la creatività, combinando ingredienti diversi e insoliti, è una delle occasioni che possiamo cogliere durante quest'epidemia di COVID-19, che ci costringe a rimanere in casa. Vediamo alcuni suggerimenti

Educare al gusto

Costantino Panza, specializzato in Pediatria e Neonatologia, collabora con l’Associazione Culturale Pediatri, Nati per la musica ed è autore di numerosi articoli scientifici e di divulgazione
Bambino assaggia una pera

La neofobia, ovvero la riluttanza del bambino a provare nuovi alimenti, è soprattutto di natura genetica. Scopriamo perché e come noi adulti possiamo favorire una corretta educazione alimentare del bambino

Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 6