Educazione

Crescere un bambino significa anche educarlo, aiutarlo ad assimilare le regole della vita necessarie per convivere in armonia con gli altri all’interno delle comunità in cui viviamo e, soprattutto, aiutarlo a diventare un adulto autonomo. Oltre a questi aspetti, in questa categoria parliamo anche di asilo nido e di scuola.

Perché l’impugnatura della penna è così importante?

Elena Ravazzolo, pedagogista
Bambino a scuola utilizza una penna

Raggiungere una corretta impugnatura della penna è un traguardo importante per il bambino, perché favorisce una maggiore concentrazione nell’apprendimento e una scrittura leggera e fluida

Sbagliando si impara: la scoperta dell’errore

Elena Ravazzolo, pedagogista
Piedi del bambino su quelli del genitore

Per Maria Montessori il concetto di autonomia sta nell’espressione «Aiutami a fare da solo», laddove «Aiutami» non significa «Sostituisciti a me» ma, piuttosto, «Ho bisogno di sapere che sei accanto a me»

Bambini, scuola e socialità nella “fase 2”

Anna Rita Longo, Science writer
primo piano di bambina di spalle con zainetto

I bambini hanno particolarmente risentito della crisi sanitaria dovuta all’epidemia di COVID-19: i loro spazi di socialità, a partire dalla scuola, sono stati molto limitati e non sempre sono state prese sul serio le loro paure e preoccupazioni. Vediamo come aiutarli ad affrontare la “fase 2”

Che cosa significa educare?

Francesca Perica, educatrice montessoriana
mamma e bambina che giocano insieme sul tappeto

Maria Montessori ha rivoluzionato la figura dell’educatore, spronando a una messa in discussione del ruolo tradizionale dell’adulto autoritario, “plasmatore” del bambino, in favore di un modello educativo che consenta al piccolo di crescere il più possibile in autonomia, guidato e accompagnato nelle sue scoperte e nelle sue conquiste

Scoprire il mondo senza paura

Elena Ravazzolo, pedagogista
Bambino afferra la mano del genitore

Nelle sue prime volte un bambino ha bisogno di sentirsi sicuro ma, allo stesso tempo, di fare da solo. Compito dell’adulto è quello di occuparsi della sicurezza: guidarlo con la voce, incoraggiarlo, rassicurarlo, lasciarlo libero di provare

Percezione del rischio e prevenzione: cosa cambierà?

Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta
Primo piano di un bambino che versa del sapone sulle mani di un genitore

L’epidemia di COVID-19 ci ha messo di fronte a una situazione del tutto nuova, che avrà un impatto sulla nostra futura percezione del rischio e sull’idea di prevenzione. Cerchiamo di farla diventare un’occasione per promuovere con i nostri bambini la tutela della salute individuale e collettiva

Genitori imperfetti?

Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta
Mamma e bambina di spalle dopo un litigio

Manifestare in maniera autentica le nostre emozioni durante un periodo difficile e pieno di cambiamenti è un modo di insegnare ai bambini il valore dell'empatia, che li aiuterà nella gestione delle relazioni anche dopo la fine dell'emergenza sanitaria

Verifica e valutazione nella didattica a distanza

Anna Rita Longo, Science writer
Bambina che scrive e segue al computer la didattica a distanza

In queste settimane si è dibattuto molto su se e come valutare la preparazione di bambini e ragazzi durante la didattica a distanza. Facciamo insieme il punto della situazione

COVID-19: si può parlare della morte con i bambini?

Chiara Borgia, pedagogista
Primo piano di una bambina che abbraccia forte la mamma

Nella nostra società parlare della morte con i bambini è quasi un tabù, eppure è un argomento importante, ancora di più in questi giorni di pandemia. Vediamo in che modo possiamo aiutare i nostri figli ad affrontare ed elaborare il lutto.

La scuola in tempo di pandemia: superare le difficoltà delle lezioni a distanza

Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta
bambino che fa lezione a distanza davanti al computer

Come organizzarsi in famiglia per favorire la concentrazione e l'attenzione di bambini e ragazzi durante la didattica a distanza? Vediamo i principali problemi da affrontare e i consigli per risolverli

Fare ordine e programmi al tempo del Coronavirus

Annalisa Perino, pedagogista montessoriana
Bambino aiuta a mettere in ordine la casa

In un momento come quello che stiamo vivendo, costretti in casa per l’emergenza Coronavirus, è importante riprendere a fare ordine e programmare le giornate, attività queste che rassicurano e orientano non solo i bambini ma anche i genitori.

Spiegare la guerra ai bambini

Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta
Una mamma che parla a una bambina per spiegare qualcosa

I bambini vengono inevitabilmente a contatto con le immagini violente e drammatiche che raccontano le guerre e le tragedie umanitarie nei diversi angoli del mondo. Come parlare con loro di eventi così dolorosi e spaventosi?

Abbracci, coccole e carezze: nutrimento per una crescita sana

Stefania Netti, psicologa
Mamma e bambino che si fanno le coccole con un abbraccio

Abbracciare, accarezzare e coccolare i bambini ha degli effetti scientificamente dimostrati sul loro sviluppo, come ci spiega la psicologa

Parlare di Coronavirus con i bambini

Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta e Sergio Conti Nibali, pediatra e direttore di UPPA magazine
Genitori che parlano con i bambini

In un momento di paura e incertezza per il diffondersi del nuovo Coronavirus è importante parlare con i nostri figli per spiegare loro cosa sta accadendo e per aiutarli a vivere serenamente questo periodo

Prove INVALSI, tra limiti e opportunità

Anna Rita Longo, Science writer
Braccio di uno studente che sta svolgendo le prove INVALSI

Le prove INVALSI, introdotte nell'anno scolastico 2005-2006, sono spesso al centro di critiche e polemiche. Cerchiamo di fare chiarezza sugli obiettivi che si prefiggono, i risultati ottenuti finora e le criticità ancora da risolvere

Metodo Montessori, cos’è e come funziona

Annalisa Perino, pedagogista montessoriana
Materiali del metodo Montessori

In cosa consiste il metodo Montessori? Per prima cosa quando parliamo di Maria Montessori, più che di metodo educativo dovremmo parlare di filosofia. Vediamo perché

Il primo ingresso in società: l’asilo nido

Paolo Borin, psicologo
Mani di bambini che giocano con le costruzioni all'asilo nido

Come aiutare il nostro bambino ad affrontare un primo passo così importante come l'ingresso all'asilo nido? Trasmettendogli tranquillità e sicurezza nel corso dei mesi che precedono, perché la serenità dell'adulto è chiaramente percepita anche dal bambino

Lo sviluppo psicomotorio nella prima infanzia: guidarlo o accompagnarlo?

Francesca Perica, educatrice montessoriana
Bambino gattona

Come avviene nell'essere umano lo sviluppo psicomotorio? Quali sono i fattori che agevolano il bambino nella graduale conquista dei movimenti e quali, invece, le condizioni che rischiano di ostacolare tale sviluppo?

«È tutto mio!»: l’egocentrismo infantile

Chiara Borgia, pedagogista
Bambina arrabbiata

Il piccolo non sa ancora che esiste una distinzione tra sé e il mondo, ed è quindi unicamente concentrato sull’appagamento dei propri bisogni. In generale, nei primi anni di vita, il bambino è impegnato nel costruire una propria esperienza della realtà

L’ambiente scuola: una ricca tavola imbandita!

Annalisa Perino, pedagogista montessoriana
Bambini che utilizzano giochi educativi

La cura e i dettagli fanno la differenza. Maria Montessori sosteneva che l’ambiente è il vero maestro per il bambino: il materiale deve destare l’interesse e può essere reso attraente affinché seduca e affascini il bambino

Lavorare con i bambini

Chiara Borgia, pedagogista
Maestra gioca con bambini alla scuola dell'infanzia

Per lavorare con i bambini non basta l'amore o farli giocare. Si tratta di un mestiere estremamente delicato e complesso, che non può essere improvvisato e che richiede non solo qualità personali ma anche un’adeguata formazione professionale

Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 5 Page 9