Gravidanza

Nelle 40 settimane di gestazione che portano dal concepimento alla nascita del bambino accadono diverse cose. Alcune molto evidenti, come ad esempio i cambiamenti fisici del corpo della donna, altre più nascoste, come la crescita del feto. La durata della gravidanza viene calcolata in settimane, a partire dalla data dell’ultima mestruazione, ed è perciò importante conoscere con certezza questa data. Se il parto avviene tra le 37 e le 41 settimane avremo una gravidanza “a termine”; “pretermine” (o parto prematuro) in caso di parto precedente alle 37 settimane; “protratta” se il parto avviene a 42 settimane o successivamente. Oltre a ciò, sarà utile avere informazioni su sintomi, esami da fare, calcolo del periodo fertile, corretta alimentazione, farmaci, attività consigliate e non.

Tritest in gravidanza: a cosa serve e quando farlo

Martina Sarti, ostetrica
donna incinta dopo aver effettuato tritest

Il risultato di questo test non offre una diagnosi definitiva e certa di salute o patologia del feto, ma informa la donna o coppia in attesa sulle probabilità della presenza di alcune anomalie cromosomiche del nascituro

Lo sviluppo del feto tra peso, proporzioni e misure

Giulia Ceglie, pediatra ematologa e ricercatrice
sviluppo del feto nella pancia della mamma

La crescita del feto non è uniforme, varia in base all’età gestazionale. Nei primi mesi il nascituro si sviluppa per lo più in lunghezza. Al contrario, negli ultimi mesi, preponderante è l’aumento del peso

Raffreddore in gravidanza, come curarlo e cosa fare

Ivana Barberini, science writer
donna in gravidanza con raffreddore

Il raffreddore in gravidanza, nonostante i sintomi certamente fastidiosi per la gestante, non è pericoloso per il feto. Il nascituro non subisce infatti alcuna conseguenza e non prova nessuno dei sintomi della mamma

Prima ecografia in gravidanza, quando farla?

Martina Sarti, ostetrica
donna effettua prima ecografia in gravidanza

Sebbene i genitori spesso pensino alla prima ecografia con un forte coinvolgimento emotivo, è importante ricordare che quello ecografico è un mezzo di indagine per appurare il decorso della gravidanza e l’adattamento del feto all’ambiente uterino

Liquido amniotico, origini e funzione

Ivana Barberini, science writer
liquido amniotico nella pancia di donna incinta

l liquido amniotico è molto importante per il corretto sviluppo del bambino e per stimolare le contrazioni nella donna. Le alterazioni del suo volume possono indicare la presenza di patologie o disturbi della madre o del feto

Streptococco in gravidanza, quando è pericoloso?

Margherita Borgatti, ostetrica e docente
donna effettua controllo medico per streptococco in gravidanza

Si stima che circa il 20% delle donne in gravidanza ne sia portatrice, ma l’importanza clinica sta soprattutto nelle gravi malattie neonatali che questo batterio può causare se viene trasmesso al bambino, in particolare setticemie, sepsi, meningiti, polmoniti

Movimenti fetali: quando iniziano e come si riconoscono

Barbara Hugonin, genetista pediatrica
madre sente movimenti fetali del bambino

Nel corso della gravidanza i movimenti fetali cambiano in relazione alla crescita e all’allungamento muscolare del bambino. Monitorarli è importante, in quanto rappresentano un importante indicatore della vitalità e dell’attività del bambino

Toxo test, quando farlo e perché

Margherita Borgatti, ostetrica e docente
donna in gravidanza si rilassa dopo toxo test

È un esame del sangue che rileva la presenza di anticorpi contro un parassita, il Toxoplasma gondii, la cui eventuale presenza può creare problemi in gravidanza

Perché il progesterone in gravidanza è così importante?

Ilaria Lemmi, ostetrica
donna in gravidanza con valori del progesterone nella norma

Il progesterone ricopre una funzione chiave nel corretto svolgimento delle varie fasi del ciclo mestruale, e il suo ruolo è strettamente legato alla capacità di avviare e mantenere una gravidanza

Pressione in gravidanza, i valori e quando misurarla

Giada Barbirato, ostetrica
medico misura la pressione a donna in gravidanza

In Italia circa una gravidanza su 10 è complicata dalla presenza di pressione arteriosa alta, pre-esistente o comparsa entro le 20 settimane gestazionali o successivamente. Per questo l’ipertensione è una delle condizioni da monitorare con maggior cura nella gestante

Gli integratori in gravidanza servono davvero?

Margherita Borgatti, ostetrica e docente
donna in gravidanza assume integratori

Fatta eccezione per l’acido folico, unico integratore fortemente raccomandato in gravidanza, la supplementazione di vitamine e minerali non è indicata per le gestanti e potrebbe, in alcuni casi, risultare anche dannosa

Il test di Coombs in gravidanza

Giada Barbirato, ostetrica
prelievo di sangue per test di coombs in gravidanza

Il test di Coombs è un esame di laboratorio che si esegue sul sangue non solo per verificare la compatibilità del gruppo sanguigno della madre con quello del feto, ma anche per valutare la compatibilità prima di una trasfusione o per identificare alcune forme di anemia

Febbre in gravidanza, rischi e cosa fare

Ilaria Lemmi, ostetrica
donna in gravidanza misura la febbre

Se la febbre in gravidanza supera i 38°C bisogna individuare la causa dell’aumento di temperatura ed escludere la presenza di infezioni che potrebbero determinare, sotto diverse forme, un danno al bambino. I rischi della febbre in gravidanza, infatti, vengono considerati legati sia alla temperatura elevata sia alle infezioni che possono averla causata

Come dormire in gravidanza? Posizioni e consigli

Margherita Borgatti, ostetrica e docente
donna in gravidanza dorme in posizione laterale

Esistono diverse posizioni sicure per dormire in gravidanza, tra le migliori troviamo sicuramente quella distesa sul fianco con le gambe flesse. Per quanto riguarda la posizione supina, invece, gli studi hanno rilevato un aumento da 2,5 a 8 volte del rischio di morte fetale in utero

Translucenza nucale: cos’è e quando si effettua

Ilaria Lemmi, ostetrica
dottoressa verifica translucenza nucale con ecografia

La translucenza nucale viene misurata, da un operatore formato, durante l’ecografia del primo trimestre di gravidanza per comprendere il rischio di malformazioni cromosomiche. Il momento ottimale per la misurazione va dalle 11 settimane alle 13+6 giorni

Ecografia morfologica: a cosa serve e cosa mostra

Barbara Hugonin, genetista pediatrica
operatrice effettua ecografia morfologica

L’ecografia morfologica insieme a un adeguato counselling genetico, uno screening molecolare e uno studio sulla salute antenatale sono esami fondamentali per accertare la presenza di patologie e sindromi genetiche complesse

Toxoplasmosi: in gravidanza è pericolosa?

Margherita Borgatti, ostetrica e docente
donna incinta con toxoplasmosi in gravidanza

Non esiste un vaccino contro la Toxoplasmosi e non è quindi possibile garantire una prevenzione assoluta. Ci sono però una serie di comportamenti e pratiche che riducono notevolmente l’esposizione a fattori di rischio; si tratta di misure di prevenzione primaria su cui le donne in gravidanza devono essere informate

Beta hCG: valori e significato in gravidanza

Giada Barbirato, ostetrica
donna incinta felice per valori beta hCG

È utile per stabilire l’età approssimativa del feto e le settimane di gravidanza, diagnosticare una gravidanza ectopica (gravidanza extrauterina), monitorare e prevenire una minaccia di aborto ed eseguire uno screening per la sindrome di Down. Al di fuori della gravidanza, invece, il livello di Beta hCG è usato come marcatore tumorale

Si può bere caffè in gravidanza?

Margherita Borgatti, ostetrica e docente
donna beve tazza di caffè in gravidanza

A proposito del consumo di caffeina in gravidanza, l’OMS raccomanda alle gestanti di limitare l’assunzione a 300 mg al giorno. Secondo il Ministero della Salute, invece, il limite è di 200 mg al giorno

Distacco di placenta: cos’è e come riconoscerlo

Giada Barbirato, ostetrica
Esame per un distacco di placenta

Avviene nell’1% dei casi e fa parte delle emorragie che causano perdite nel corso della seconda metà della gravidanza. L’entità del distacco, le settimane gestazionali in cui avviene e le condizioni della paziente e del feto influiscono sulla prognosi e sul trattamento della patologia

Diabete gestazionale: serve una dieta?

Claudia Carletti, nutrizionista e dietista
Donna affetta da diabete gestazionale

Il primo trattamento efficace per il diabete gestazionale è proprio quello di ripensare alla propria dieta con lo scopo di tenere sotto controllo la glicemia e avere un’alimentazione varia ed equilibrata. A ciò, va sempre associato uno stile di vita salutare, e dell’attività fisica

Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 5